Dieci anni di Virgin Radio Italia: ricordi in rock con Thomas Damiani

Postato il Aggiornato il

Articolo di Iolanda Raffaele

Erano le ore 12:00 del 12 luglio 2007 quando sulle frequenze liberate da Play Radio Virgin Radio Italia mandò in onda per la prima volta le sue trasmissioni e da lì fu subito rock. Anzi da lì furono 24 ore su 24 di sola musica rock internazionale e italiana per circa 3650 giorni e tanti di più in futuro.
Off Topic si è unita ai festeggiamenti di questo decennale intervistando l’intrepido e inarrestabile Thomas Damiani.


Tommy, tra i vari speaker della tua radio per festeggiare questa data importante, sei contento?
Sono onorato che sia lo station manager Mario Volo che Ringo mi abbiano accolto con entusiasmo, dicendomi: “Tommy, tu sei veramente rock nello spirito e nelle relazioni con gli altri “.

Definisci Virgin Radio con un’espressione rock che renda bene l’idea…
Una radio da ascoltare a volume osceno…

Cosa rappresenta secondo te questa emittente per la radiofonia italiana e non solo?  
L’unica via di fuga dallo scontato panorama musicale delle radio in fm e probabilmente l’unica che custodisce con la sua programmazione la storia del rock divulgandola alle generazioni.

Dopo Radio Deejay e RTL 102.5, l’ingresso in questa nuova famiglia radiofonica che esperienza professionale e personale è stata e continua ad essere?
Qui, si sta parlando del top delle radio italiane, con diversità in termini di pubblico, ma il professionismo è ad altissimi livelli in entrambe. L’esperienza professionale che sto vivendo ora è quella di essere molto più libero nelle scelte musicali e negli interventi parlati. Da questo punto di vista è l’apoteosi per la mia crescita professionale, soprattutto, semplicemente, mi diverto e se mi diverto io anche gli ascoltatori lo percepiscono.

Se dovessi abbinare una canzone a Virgin Radio qual è la prima che ti verrebbe in mente?
Fun Fun Fun dei Beach Boys.

Style rock è il motto di Virgin Radio, ma forse anche uno stile di vita, come è cambiato il rock in questi anni?
La popolazione italiana invecchia quindi non è cambiato nulla e per fortuna.

Anni e anni di radio: che posto occupa nella classifica dei tuoi valori e potresti vivere senza?
Il secondo posto dopo i miei affetti adesso che sono più adulto, ma prima tutto era in funzione della radio anche… mi riferisco al mio tempo libero e al tempo che dedicavo alle fidanzatine.

Tommy Goes To Rock è il tuo programma musicale in onda ogni sabato con il meglio dell’hard rock, perché hai scelto proprio questa fetta di rock?
Perché rispecchia il mio modo di essere, adrenalinico e veloce, poi perché il pubblico che ama questo genere ha difficoltà ad ascoltarlo, pur essendo milioni, faccio qualcosa per loro…

Anima rock, fisico scattante ed età quasi difficile da decifrare, cosa significa lavorare con Thomas Damiani, è davvero folle come sembra?
È tutto un equilibrio in questa follia ahahahah – Vasco Rossi.

Seguire i concerti di gruppi internazionali per un fan è sempre un’emozione, per uno speaker non sempre potrebbe essere così. A quale pensi ancora con adrenalina e gioia e a quali invece preferiresti non essere andato?
ACDC, è stata la prima volta per me salire su un palco e che palco, vedere il dietro le quinte di uno dei gruppi più forti della storia, ma soprattutto calpestare lo stesso legno di Angus e soci salutando al microfono 120 mila persone che ricambiano con un urlo.
L’esperienza dei live è sempre adrenalinica, chiunque suoni su un palco me lo godo ugualmente volentieri.

“Tutti pazzi per il vinile”, cosa significherebbe secondo te tornare alla magia dei vecchi dischi? Sarebbe forse un modo per assaporare e capire meglio la buona musica?
Lo hai detto tu, ci vuole tempo per ascoltare un vinile, ti devi ritagliare un momento, sì io lo faccio. Oggi, il tempo è la vera ricchezza, in più col vinile scopri un’ opera d’arte,copertina testi, messaggi dell’artista al pubblico. Chi ascolta il vinile non è un tipo superficiale.

Una parola o un aggettivo sui tuoi compagni di viaggio:
Ringo e Dr FeelGood
Andrea Rock Toselli e Giulia Salvi
Paola Maugeri e Massimo Cotto
Giovanni Di Pillo, Fabrizio Vidale e Francesco Allegretti

Posso dirti in generale che non ho mai trovato in una radio un così alto numero di fuoriclasse.

Siamo in chiusura, raccontaci un bel momento trascorso in Virgin Radio Italia e sul quale spegneresti una candelina…
Sui nostri 10 anni appena celebrati, un traguardo importante, una proiezione verso il futuro per l’unica radio rock in Italia.

Grazie e lunga vita al Rock!!!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...