The Darkness – Pinewood smile (Cooking Vinyl, 2017)

Postato il Aggiornato il

Articolo di Stefania D’Egidio

In uscita il prossimo 6 ottobre l’ultima fatica in studio dei The Darkness, Pinewood Smile, per l’etichetta Cooking Vinyl, interamente registrato presso gli studi casalinghi di Dan Hawkins, nella città natale di Lowestoft, e anticipato dall’uscita dei singoli All the Pretty Girls e Solid Gold con relativi video disponibili su youtube.

Lo ascolto la prima volta all’alba, andando a lavoro in auto: è un album in pieno stile Darkness, adrenalinico, meglio di un’overdose di caffè; le chitarre sono affilatissime, la batteria è tirata al massimo, la voce di Justin sembra tornata ai livelli dei primi album, con i suoi immancabili acuti.
Le prime quattro tracce All the Pretty Girls, Bucaneers of Hispaniola, Solid Golde Southern Trains sono uno tsunami sonoro quasi alla AC/DC, in particolare l’ultima, con un ritmo veloce e incalzante più heavy metal che hard rock, seguite da una bellissima ballad, Why Don’t the Beautiful Cry; giusto il tempo di una canzone e si riprende quota con Japanese Prisoner of Love, traccia un po’ alla Queen, il gruppo a cui i The Darkness si rifanno fin da inizio carriera sia per le sonorità che per il look.

Si prosegue con Lay Down With Me, Barbara (chi sarà la misteriosa donna?), traccia in cui ci sono repentini cambi di ritmo e un bellissimo assolo di chitarra, I Wish I Was In Heaven, in cui Justin ci “pettina” con i suoi continui acuti, Happiness, messaggio d’amore in riva all’oceano, e, in chiusura, Stampede of Love, la traccia apparentemente più acustica dell’album.

Perché comprare Pinewood Smile? Perché loro ci piacciono fin dagli albori, perché sono un frullato di allegria e di energia, potenti e caldi come un raggio di sole dopo una giornata di pioggia.
Il prossimo 8 novembre suoneranno all’Alcatraz di Milano, nei giorni successivi all’Orion di Roma e al Vox di Nonantola (a proposito affrettatevi che i biglietti sono ancora disponibili…); personalmente, dopo averli sentiti in apertura al concerto dei Gun’s and Roses a Imola lo scorso giugno, non vedo l’ora di vederli in uno show tutto loro, chissà se Justin si presenterà con le sue tutine succinte e appariscenti oppure a cavallo della sua tigre bianca…

 

Tracklist
01. All The Pretty Girls
02. Buccaneers Of Hispaniola
03. Solid Gold
04. Southern Trains
05. Why Don’t The Beautiful Cry?
06. Japanese Prisoner Of Love
07. Lay Down With Me, Barbara
08. I Wish I Was In Heaven
09. Happiness
10. Stampede Of Love

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...