Edward Abbiati, Chris Cacavas & The Dirty Devils @ Spazio Teatro 89, Milano – 10 Novembre 2017

Postato il

Live report e immagini sonore di Roberto Bianchi

Ci sono serate noiose e altre che offrono interessanti alternative, possibilità di scelta.
Capita che un venerdì ci sia lo spareggio per i mondiali tra Svezia-Italia, ma anche un concerto di Edward Abbiati, Chris Cacavas & The Dirty Devils. Dilemma! Quale dilemma? Non scherziamo! Nessun dubbio, di corsa allo Spazio Teatro 89 di Milano per una grande serata di musica.

Il breve riassunto sullo storico dei protagonisti giustifica ulteriormente la mia scelta: Edward Abbiati è il front man dei Lowlands, valido gruppo pavese di folk-rock che ha pubblicato sei album tra il 2008 e il 2014. Chris Cacavas, da Los Angeles, è l’indimenticabile tastierista dei Green On Red, in seguito ha collaborato con pezzi da novanta tra cui Steve Wynn, Dan Stuart e Giant Sand; da solista ha pubblicato più di dieci album tra cui Me And The Devil in coppia con Edward. Maurizio Glielmo “Gnola”, chitarrista rock blues milanese, ha suonato con Fabio Treves, Davide Van De Sfroos e molti altri artisti; con la Gnola Blues Band vanta una discografia di cinque album. Joe Barreca è un bassista con notevoli esperienze internazionali, apprezzato nell’ambiente “by night” di New Orleans; in Italia ha suonato con i Chicken Mambo ed è parte dell’attuale base ritmica dei Mandolin’ Brothers. Andrea Perovani Paradiso, gia con i Sugar Ray Dogs, è un ottimo batterista che ha collaborato con artisti di spicco, tra cui Patricia Vonne.

È una grande gioia rivedere Abbiati in piena azione, con la voglia di far sentire la propria voce, di trasmettere energia e incantare gli ascoltatori con la qualità delle canzoni. Edward non è solo, non lo è mai stato e mai lo sarà: ci sono amici veri intorno a lui, che lo avvolgono con un fortissimo e sincero abbraccio.

Calano le luci ed ecco che Eddie sale sul palco con la chitarra acustica a tracolla accompagnato da Chris Cacavas al piano elettrico. Le note di The Week Song sono accolte da un caloroso applauso, le voci sono avvolgenti ed il sostegno musicale delicatamente rarefatto.

I due protagonisti sono raggiunti dai Dirty Devils e si viaggia subito a mille con il blues rock di Against The Wall, seguito da una sequenza di brani mozzafiato tratti da Me And The Devil. C’è anche lo spazio per esaltare due ottimi brani scritti a quattro mani da Gnola ed Edward: Dusty Roads e The Ghosts Of King Street sono eseguiti con grande carica.

La sezione ritmica è sostenuta abilmente dal preciso rullare di Andrea Perovani Paradiso alla batteria e dal basso di Joe Barreca, che ha la grande capacità di raccordare ritmica e melodia. Chris Cacavas, passa con disinvoltura dalle tastiere alla chitarra. Maurizio Gnola incanta con precisi e taglienti assoli di chitarra elettrica. Una band di caratura superiore! Altissima energia che amalgama una sapiente miscela di differenti sonorità! Si spazia dal garage al roots-rock, appaiono sfumature blues ed emerge la canzone d’autore. Le voci di Edward e Chris si alternano e sovrappongono alla perfezione.

I Diavoli Sporchi prendono fiato per qualche minuto e ci possiamo rilassare con I’ll See Ya, eseguita da Ed & Chris, seguita dalla magica California (Into The Ocean), piano e voce e Who’s Your Whore, elettrica e voce eseguite dal solo Chris.

Si riaccendono i motori ripartendo dal garage rock di Disappear, passando dall’articolata Friday Night dei Lowlands e da The Other Side. Edward dedica la splendida ballata Hay Into Gold alla figlia regalandoci un’interpretazione emozionante, fortemente sentita: un valore aggiunto.

Senza momenti minori il tempo trascorre troppo velocemente, per fortuna ci sono ancora dei frammenti di spazio a nostra disposizione. Il roots-rock di Long Dark Sky è un gioiello, carico, ritmato, ipnotico. L’assolo di Gnola vale il prezzo del biglietto e il gran finale è da standing ovation. I ragazzi lasciano il palco avvolti da un caloroso applauso, ma è solo un arrivederci.

Il richiamo è irresistibile e così ci possiamo gustare il bis con la rarefatta Rest Of My Life e il gran finale di Lookin’Out Forever, grande brano rock di Paul Westerberg.

Edward, Chris & The Dirty Devils sono scesi in campo con una valida formazione e un modulo perfetto, che hanno esaltato il talento dei singoli e messo in mostra un grande gioco di squadra. È stata una grande vittoria che ha convinto tutti. Lunga vita al rock!

Set List
The Week Song
Against The Wall
Me And The Devil
Oh Baby Please
Can’t Wake Up
Dusty Road
The Ghosts Of King Street
I’ll See Ya
California (Into The Ocean)
Who’s Your Whore
Disappear
Friday Night
The Other Side
Hay Into Gold
Long Dark Sky
Encores
The Rest Of My Wife
Looking Out Forever

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...