Articolo di Simone Nicastro

Ruota tutto intorno alle emozioni. Quelle suscitate e quelle lasciate incustodite sul fondo, alcune più abituali e altre più oscure, quelle abbracciate e quelle che si vorrebbero in qualche modo scansare, le emozioni talmente intense da farti tremare e quelle così soavi da accompagnarti fino all’agognato riposo.

Ruota tutto intorno alle emozioni che si spostano sulle ali delle parole, di racconti di cornice, di quegli squarci di realtà narrata/cantata da uno sconosciuto che ti conosce meglio di te stesso, di ipotesi trasversali al senso dell’ordinario, del pronunciato fermamente che vale quanto la scusa patetica di un dilettante, di espressioni che sono le chiavi misurate di canzoni da cui non puoi scappare, da cui non vuoi scappare.
Ruota tutto intorno alla musica. La musica che confina piccole patrie, che suscita piccole rivoluzioni quotidiane, che si erge al di sopra del rumore ma senza crudeltà, armonie trattenute e ritmiche arteriose, musica che si elettrifica dove deve e si ripiega in acustico quasi silente, compone e scompone le strade, le case e gli orizzonti, che siano questi davanti agli occhi o che si ritrovino solamente nelle pulsazioni del cuore.
Ruota tutto intorno ai ritorni. Perché si ritorna per dare voce a qualcosa di necessario, perché si ripercorre la via della speranza nonostante tutto il dolore del caso, perché in due ci si sostiene un po’ di più in quell’equilibrio sul bordo delle finestre che danno sul mare o sul bel-vedere di una qualsiasi città di frontiera. Il ritorno al viaggio necessario per trovare la propria casa o individuarne una nuova almeno da visitare. Come Santa Claus nella notte di Natale. Sempre che sia veramente lui e non un impostore.

Tourist You Are The Terrorist è un album semplicemente bellissimo. I Ratafiamm sono una espressione musicale più unica che rara nel panorama musicale italiano. Le loro canzoni assomigliano a preghiere laiche di una umanità estremamente fedele alla pericolosa e straordinaria intensità della musica popular. Non sono molti gli artisti in circolazione che riescono a mettere tutti i tasselli al posto giusto e rimanere ciò nonostante così sfuggenti e indefinibili.
Siamo tutti possibili turisti sulle vie musicali dei Ratafiamm come loro sono forse turisti nei nostri ascolti di questo 2018. Per chi li ha già incontrati come per quelli che ancora non li conoscono. Nei loro bagagli ci sono i suoni di sempre con qualche nuovo vestito di tessuto elettronico, ci sono la ricercatezza delle parole di un tempo passato e le sensazioni ispirate da un nuovo cammino appena (re)iniziato.
Ruota tutto intorno ad un nuovo viaggio. Il viaggio di Tourist You Are The Terrorist. Il viaggio dei Ratafiamm. In fondo cosa c’è di più bello che fare il turista nella vita.

Tracklist
01. Dilettanti
02. Le Chiavi
03. Piccola Patria
04. Dare Voce
05. Turista
06. Vedere
07. Santa Claus
08. Casa
09. Veramente