Simone Nicastro

Warpaint @ Carroponte, Sesto San Giovanni (Mi) – 13 luglio 2017

Postato il

Articolo di Simone Nicastro immagini sonore di Stefania D’Egidio

Che genere di musica fanno le Warpaint? Questa è una delle domande più ricorrenti che mi sento fare ogni volta che parlo di loro con emozione e commenti entusiastici. Domanda, tra l’altro, a cui francamente non ho mai saputo e non so rispondere tutt’ora. Di sicuro dagli inizi ad oggi, dopo tre album e un EP, la loro musica è cambiata o sarebbe meglio dire che si è evoluta (certo per alcuni si è involuta, ma si sa non si può piacere a tutti). Wave, gothic, pop rock, pop weird, a volte quasi funk, ma tutto questo non riesce a descrivere quanto queste quattro ragazze creano insieme sia nei lavori in studio, che quando salgono sui palchi per esibirsi dal vivo.

Leggi il seguito di questo post »

Dinosaur Jr. @ Carroponte, Sesto San Giovanni (Mi) – 11 luglio 2017

Postato il

Articolo di Simone Nicastro immagini sonore di Stefania D’Egidio

Poi venne la pioggia. Un paio di canzoni in bilico tra oscurità e nuvoloni fino ai primi scrosci e infine il “penetrante” temporale estivo milanese. Sarà costante per quasi tutta la durata del concerto.
Leggi il seguito di questo post »

Ekat Bork – YasДyes (Ginkhobox, 2017)

Postato il Aggiornato il

Articolo di Simone Nicastro

Odio farmi sfuggire le novità. Anche se so che è inevitabile. Ma per fortuna alcune volte riesco a recuperare.
Questa volta mi era sfuggita Ekat Bork. Una artista incredibile che nel 2013 esordiva con un album dal titolo “Veramellious”: potente, versatile, rock con venature elettroniche e personalità da vendere.

Leggi il seguito di questo post »

Levante @ Alcatraz – Milano, 16 maggio 2017

Postato il Aggiornato il

Articolo di Simone Nicastro immagini sonore di Andrea Caristo

Non amo discutere sui social ma qualche volta mi capita. Una delle ultime occasioni si è verificata dopo alcuni commenti positivi ad un articolo denigratorio sulle persone frequentanti il Fuori Salone a Milano in cui si citava tra le loro varie colpe l’ascolto di una cantante “da hipster” quali Levante. Del resto ho notato negli ultimi mesi un accanimento particolarmente agguerrito nei confronti di Claudia, in arte Levante, come a voler identificare in lei tutto quello che non va nella odierna musica pop rock italiana (di estrazione indipendente) da parte di una certa critica e di quel tipo di pubblico sempre più pronto a sparare a zero su quanto non corrisponde ai loro parametri di giudizio/gusto.
Leggi il seguito di questo post »

Bobby Joe Long’s Friendship Party – Bundytismo, concetti e sostanze meanstream (Autoproduzione, 2017)

Postato il Aggiornato il

Articolo di Simone Nicastro

Quelli della Oscura Combo Romana sono tornati. In tempi brevi, tra l’altro, e annunciando il nuovo lp come anche l’ultimo che realizzeranno. Chi vivrà, vedrà. Detto questo faccio rapidamente mia anche un’altra loro affermazione: “Prima i grattaceli e poi lo stadio di Roma, prima la coattowave e poi l’indie pop meanstream”. Per mettere in chiaro da subito da che parte scelgo di stare.
Leggi il seguito di questo post »

San Fermin – Belong (Downtown/Interscope, 2017)

Postato il Aggiornato il

Articolo di Simone Nicastro

Siamo a tre. Consuetudine vuole che la situazione inizi a farsi seria. Tre album a partire dal 2013, praticamente uno ogni due anni. “Belong” è il nuovo lavoro in studio dei San Fermin, nome che purtroppo ancora non desta l’attenzione che invece meriterebbe. Due raccolte di inediti, una più bella dell’altra, espressioni artistiche complesse ma decisamente accessibili a chiunque del compositore americano Ellis Ludwing-Leone.
Leggi il seguito di questo post »

Brunori Sas @ Alcatraz – Milano, 2 marzo 2017

Postato il Aggiornato il

Articolo di Simone Nicastro immagini sonore di Starfooker

“A casa tutto bene” è un gran bell’album. Intenso nelle parole e nella musica. Arrangiato benissimo senza però perdere quell’immediatezza tipica delle precedenti opere della Brunori Sas. Ma quello che mi ha colpito fin dal primo ascolto è stata la percezione della contemporaneità delle canzoni, una semplice e autentica aderenza nel racconto del nostro quotidiano. Brunori parla a tutti noi mentre parla a sé stesso. Con la schiettezza di chi ha poco o nulla da evitare o edulcorare nel proporre la sua “opinione artistica”.

Leggi il seguito di questo post »