Cerca

Off Topic

Voci fuori dal coro

Categoria

Immagini Sonore

Riccardo Sinigallia @ Santeria Social Club – Milano, 25 gennaio 2019

Articolo di Luca Franceschini e immagini sonore di Andrea Furlan

Forse per scaramanzia non ha il coraggio di terminare la frase ma l’espressione grata e contenta di Riccardo Sinigallia verso la fine del concerto non lascia dubbi: il Santeria è pieno zeppo e probabilmente tutti i biglietti sono stati staccati. Lui non ha il coraggio di pronunciare l’eloquente espressione “Sold out” ma il senso è quello lì.

riccardo-sinigallia-santeria-social-club-foto-di-andrea-furlan

Continue reading “Riccardo Sinigallia @ Santeria Social Club – Milano, 25 gennaio 2019”

Calcutta @ Forum, Assago (Mi) – 21 gennaio 2019

Articolo di Luca Franceschini immagini sonore di Ambrogio Brambilla

La prima ed unica volta che ho visto Calcutta dal vivo è stata nel dicembre del 2015, si era all’Ohibò di Milano, c’era stato un soldout clamoroso (tantissima gente fuori in cerca di un biglietto) e fu un concerto piuttosto imbarazzante, con lui che sembrava ubriaco e che stonava ogni due note ed una band di onesti mestieranti che suonavano i pezzi come se fosse la prima volta o quasi che li provavano.
Fu un trionfo assoluto. La gente cantava i testi come se non ci fosse un domani e l’atmosfera generale era da “abbiamo trovato il Messia”.
Avrei potuto replicare la primavera successiva, quando Edoardo chiuse il Miami sul palco de La Collinetta, all’interno di un’edizione dove, sullo stage principale, si erano da poco esibiti I Cani di Niccolò Contessa, uno dei principali fautori del successo di “Mainstream”. La scelta di non far coincidere i set dei due artisti creò un ingorgo tale che, prima volta nella mia vita, non riuscii neppure lontanamente a procurarmi un posto decente per vedere qualcosa e quindi me ne tornai a casa. Non senza essere assordato, mentre camminavo per raggiungere la macchina, da migliaia di voci che come se fossero una sola intonavano “Frosinone”. Una roba assurda, giuro.


Continue reading “Calcutta @ Forum, Assago (Mi) – 21 gennaio 2019”

Ramrod @ All’1&35 circa – Cantù (Co), 18 gennaio 2019

Articolo e immagini sonore di Roberto Bianchi

Ci sono serate programmate, messe in agenda da tempo e inconsciamente condizionate da quanto precedentemente acquisito, ci sono poi scelte casuali, inaspettate, che ti portano nel posto giusto al momento giusto.

Lo scorso venerdì scorrendo le proposte musicali ho focalizzato l’attenzione su un evento in calendario All’Una e Trentacinque circa di Cantù; il locale è di per sé una garanzia, la selezione dei musicisti è solitamente più che affidabile, e il genere musicale offerto dai Ramrod sicuramente alettante. Detto fatto: ho rinunciato a una serata in pantofole per raggiungere la Brianza.

Continue reading “Ramrod @ All’1&35 circa – Cantù (Co), 18 gennaio 2019”

Rhiannon Giddens @ Folk Club – Torino, 18 gennaio 2019

Articolo di Walter Muto e fotografie di Massimo Forchino e Laura Aduso

rhiannon-giddens-folk-club-foto-di-massimo-forchinoMi sono imbattuto per la prima volta – come spesso accade, per la segnalazione di un amico – in Rhiannon Giddens all’uscita del progetto Lost on the River: The New Basement Tapes. Nel 2014 al grande produttore statunitense T-Bone Burnett viene recapitata una scatola con un certo numero di testi di Bob Dylan, scritti nel 1967 e mai completati. Burnett propone ad una agguerrita schiera di artisti folk-rock di comporre la musica e registrare insieme – in un periodo di 15 giorni – le canzoni risultanti da questo lavoro. Fra gli altri coinvolti nel progetto c’erano Elvis Costello, Marcus Mumford e per l’appunto Rhiannon Giddens. Dagli studi della Capitol Records ad Hollywood passò per una ospitata anche Johnny Depp. All’uscita dell’album rimasi assolutamente stregato da una delle canzoni interpretate da questa straordinaria artista, reperibile qui, nell’unica sessione di registrazione impiegata per realizzarla.

Continue reading “Rhiannon Giddens @ Folk Club – Torino, 18 gennaio 2019”

Willie Peyote @ Alcatraz – Milano, 17 gennaio 2019

Articolo di Luca Franceschini e immagini sonore di Alessandro Pedale

È stato indubbiamente un trionfo. “La sindrome di Tôret” è stato portato in giro per 103 date, in tutta Italia e pure in qualche puntata all’estero, in posti importanti come lo Sziget. È stato un disco importante, per Willie Peyote: gli ha fatto fare il grande salto dal bravo rapper che sa scrivere qualche singolo di successo, all’artista vero che realizza lavori coesi, curati in ogni minimo dettaglio e che è in grado di dare voce alla propria contemporaneità.
È stata anche l’occasione per vederlo tanto dal vivo e per realizzare che, nell’universo italiano che gravita intorno a Rap, Trap, It Pop e affini, lui è uno che, proprio sul palco, ha una marcia in più.

Continue reading “Willie Peyote @ Alcatraz – Milano, 17 gennaio 2019”

Carlo Ozzella @ Spazio Teatro 89 – Milano, 19 gennaio 2019

Articolo di Fabio Baietti e immagini sonore di Andrea Furlan

…ed è sempre una questione di sogni… Quelli di chi sta sul palco, quelli che aleggiano nel pubblico. Uniti da quell’elemento comune a nome rocchenroll, per combattere la fottuta fatica della vita, là fuori…

Concetto preciso, trait d’union di sensibilità, esperienze, motivazioni diverse, espresso da Carlo Ozzella con quel sorriso che non pubblicizza dentifrici ma cela intime ferite. Tradotte in ballate dalle intimistiche, profonde liriche, vestite di vibrante elettricità o di acustica eleganza.

carlo-ozzella-spazio-teatro-89-photo-andrea-furlan

Continue reading “Carlo Ozzella @ Spazio Teatro 89 – Milano, 19 gennaio 2019”

Giardini di Mirò @ Santeria Social Club – Milano, 18 gennaio 2019

giardini-di-mirò-santeria-social-club-photo-andrea-furlanArticolo di Luca Franceschini e immagini sonore di Andrea Furlan

Eccoli qui, i Giardini di Mirò. Da Good Luck, l’ultimo disco in studio vero e proprio, erano passati sei anni; quattro invece da Rapsodia Satanica, che era la sonorizzazione dell’omonimo film di Nino Oxilia. Tanti progetti, nel frattempo, soprattutto da parte dei due chitarristi Corrado Nuccini e Jukka Reverberi, che in compagnia di Emidio Clementi il primo e di Max Collini il secondo, si sono tolti un bel po’ di soddisfazioni. Temevamo però che potesse essere tutto finito: il mondo del music business è spietato, si sa, e soprattutto di questi tempi, quattro anni possono facilmente corrispondere ad un periodo effettivo molto più lungo. Invece, quando forse non molti ci speravano più (di sicuro non io) sono tornati: Different Times, che è uscito a fine anno per la sempre più attiva 42Records (recentemente ha messo sotto contratto anche i Massimo Volume, altro disco italiano attesissimo, in arrivo a febbraio) è molto di più di un grande ritorno. Il sestetto emiliano è riuscito nell’impresa di rassicurare i fan riproponendo tutte le coordinate sonore che lo hanno reso celebre e allo stesso tempo evitare di ripetersi, con un lotto di canzoni intrise di nostalgia e magniloquenza, dimostrazione che il talento sarà pure merce rara ma che se ce l’hai puoi permetterti il lusso di tornare quando vuoi e ogni volta sbaragliare la concorrenza.

Continue reading “Giardini di Mirò @ Santeria Social Club – Milano, 18 gennaio 2019”

We’ll meet again someday – Cesare Carugi @ Spazio Teatro 89 – Milano, 11 gennaio 2019

cesare-carugi-spazio-teatro-89-photo-andrea-furlanArticolo di Fabio Baietti e immagini sonore di Andrea Furlan

Ma quante belle, misconosciute canzoni ha scritto Cesare Carugi? Questa la domanda che mi sono posto più volte durante il suo ultimo (??) concerto, in quel di Spazio Teatro 89.

Continue reading “We’ll meet again someday – Cesare Carugi @ Spazio Teatro 89 – Milano, 11 gennaio 2019”

Loqi – Un artista da scoprire

R E C E N S I O N E


Oggi vorrei parlarvi di un artista che seguo da un paio d’anni e che è impegnato in così tante attività che faccio fatica a rimanere aggiornata su tutti i progetti che lo coinvolgono.
Il suo nome è Matteo Mucavero, in arte Loqi, classe 1985, di origini bolognesi, ma residente in terra bergamasca da circa 4 anni.
Conosciuto principalmente come artista di strada ci ha abituati alle sonorità della musica elettronica, dall’ambient alla trance psichedelica, che suona e produce attraverso un progetto denominato “Teqnobusker” e che prevede la realizzazione di musiche e suoni improvvisati con l’ausilio di strumenti elettronici.

Continue reading “Loqi – Un artista da scoprire”

WordPress.com.

Su ↑