Andrea Caristo

Thurston Moore @ Festa di Radio Onda d’Urto, Brescia – 24 agosto 2017

Postato il Aggiornato il

Testo e immagini sonore di Andrea Caristo, disegno dal vivo di Andrea Spinelli
Il 24 agosto ho avuto l’onore di assistere di nuovo all’esibizione di una delle divinità del Rock ‘n’Roll (fortunatamente) ancora vivente. Thurston Moore.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Paolo Benvegnù @ Carroponte, Sesto San Giovanni (MI) – 9 luglio 2017

Postato il

Articolo di Luca Franceschini, immagini sonore di Andrea Caristo

A fine aprile Paolo Benvegnù era stato male e aveva dovuto cancellare alcune date del suo tour, compresa la partecipazione al concerto del Primo Maggio, dove si sarebbe esibito con la sua band assieme a Marina Rei. Ci aveva fatto un po’ spaventare, anche perché non si era mai saputo cosa avesse avuto di preciso.

Leggi il seguito di questo post »

Niccolò Fabi @ Carroponte, Sesto San Giovanni (Mi) – 06 luglio 2017

Postato il

Articolo di Luca Franceschini, immagini sonore di  Andrea Caristo

Penso sia indubbio che con “Una somma di piccole cose” Niccolò Fabi abbia raggiunto, per ora, il momento più alto della sua carriera; probabilmente non in termini di valore artistico (per chi scrive “Solo un uomo” rimane il suo capolavoro assoluto, anche se quest’ultimo disco rientra tranquillamente tra i suoi più belli) ma di sicuro per quanto riguarda la visibilità e il ritorno commerciale. La vittoria della Targa Tenco per il “miglior disco in assoluto” (risultato peraltro raggiunto anche dal precedente “Ecco”) è stata solo la punta dell’iceberg di un periodo decisamente fortunato, costellato di concerti sold out durante un tour che è durato quasi un anno e che ha toccato ogni luogo possibile dell’Italia, con qualche tappa sporadica anche all’estero.
Leggi il seguito di questo post »

Levante @ Alcatraz – Milano, 16 maggio 2017

Postato il Aggiornato il

Articolo di Simone Nicastro immagini sonore di Andrea Caristo

Non amo discutere sui social ma qualche volta mi capita. Una delle ultime occasioni si è verificata dopo alcuni commenti positivi ad un articolo denigratorio sulle persone frequentanti il Fuori Salone a Milano in cui si citava tra le loro varie colpe l’ascolto di una cantante “da hipster” quali Levante. Del resto ho notato negli ultimi mesi un accanimento particolarmente agguerrito nei confronti di Claudia, in arte Levante, come a voler identificare in lei tutto quello che non va nella odierna musica pop rock italiana (di estrazione indipendente) da parte di una certa critica e di quel tipo di pubblico sempre più pronto a sparare a zero su quanto non corrisponde ai loro parametri di giudizio/gusto.
Leggi il seguito di questo post »

Ex-Otago @ Magnolia, Segrate (Mi) – 26 aprile 2017

Postato il

Articolo di Giacomo Starace, immagini sonore di Andrea Caristo

Il Magnolia è pieno, nonostante la pioggia incessante, per la prima delle due date, entrambe sold out, degli Ex-Otago. Nel buio cresce l’attesa, finché vengono lanciati dei braccialetti starlight sul pubblico e parte la telecronaca di un gol di Cassano in Sampdoria – Genoa.
Leggi il seguito di questo post »

Motta @ Alcatraz, Milano – 1 aprile 2017

Postato il

Articolo di Luca Franceschini, immagini sonore di Andrea Caristo

E’ finito in un bell’abbraccio con Riccardo Sinigallia, il concerto di Francesco Motta all’Alcatraz. Il cantautore romano, che ha prodotto “La fine dei vent’anni” e gli ha pure dato una grossa mano nell’indirizzo artistico dei testi, in teoria non avrebbe dovuto prendere parte a questa festa di fine tour; in effetti non ha suonato, ma sulle note finali della titletrack, penultimo brano in scaletta, è comparso a sorpresa (per lo meno del pubblico) e ha accompagnato Francesco sui cori finali. Non senza averlo prima esortato a guardare davanti a lui, dove un paio di migliaia di persone cantavano e applaudivano adoranti.
Leggi il seguito di questo post »

Pollio @ La Salumeria della Musica, Milano – 30 marzo 2017

Postato il Aggiornato il

Articolo di Luca Franceschini, immagini sonore di Andrea Caristo

Il tempo passa in maniera strana. O meglio, è la nostra percezione del tempo che passa, ad essere strana. Ieri sera, verso la fine del concerto di Fabrizio Pollio alla Salumeria della Musica, lo stesso Fabrizio ricordava che “Humus”, il suo disco di debutto come solista, usciva quattro mesi fa. Ecco, viviamo in un’epoca di frenesia in cui una settimana lavorativa, per quanto mi riguarda, sembra durare un battito di ciglia. Eppure, allo stesso modo, un disco uscito quattro mesi fa sembra già vecchio di un secolo. Ci sono troppe cose da ascoltare, troppe sollecitazioni da cogliere al volo, troppi articoli da scrivere, troppi link da postare.
Leggi il seguito di questo post »