Cerca

Off Topic

Voci fuori dal coro

Tag

Cristiano Carenzi

Redh – Torneremo (Artist Firts/Kobayashi, 2019)

R E C E N S I O N E


Articolo di Cristiano Carenzi

Il primo ep di Redh è composto da sei brani ma di fatto soltanto uno a noi non ancora noto. Tra l’anno scorso e la prima metà di questo ha infatti pubblicato cinque singoli che con un inedito creano l’ep in questione. Il brano nuovo conclude il progetto e si intitola Non mi va più e rispetto alle altre tracce è più ritmato e, oltre alle immancabili tastiere, anche la chitarra trova il suo posto centrale nella produzione (l’unico altro brano in cui le chitarre fanno da melodia è Ci Credi). Per il resto le canzoni che lo compongono sono tutte abbastanza omogenee e in linea con la nuova scena ItPop che sta uscendo nell’ultimo periodo: canzoni piene di Synth e con la scelta della drum machine al posto di una batteria vera e propria, accompagnate da un cantato lieve ma leggermente sofferto e la tematica d’amore (finito e possibilmente male) al centro della scrittura.

Continua a leggere “Redh – Torneremo (Artist Firts/Kobayashi, 2019)”

Claver Gold e Kintsugi- Lupo di Hokkaido (Glory Hole Records, 2019)

R E C E N S I O N E


Articolo di Cristiano Carenzi

Il nuovo Ep di Claver Gold è interamente prodotto dai Kintsugi e riprende, come intuibile dal titolo, la storia del “Lupo di Hokkaido“: una sottospecie di lupo che viveva in una fredda isola giapponese prima di estinguersi del tutto nel corso del rinnovamento Meiji. Sia a livello visivo che strumentale si sentono le forti influenze che arrivano dal mondo orientale, inoltre, all’inizio di quasi ogni brano c’è una voce narrante che racconta la storia di questo lupo in lingua giapponese.

Continua a leggere “Claver Gold e Kintsugi- Lupo di Hokkaido (Glory Hole Records, 2019)”

GOTHBOICLIQUE @ Circolo Ohibò, Milano – 1 giugno 2019

L I V E – R E P O R T


Articolo e immagini di Cristiano Carenzi

il tour europeo della Gothboiclique è iniziato una settimana fa e tra le tappe scelte c’è (stranamente e per fortuna) anche Milano. Circolo Ohibò insieme ad Humble Agency e Costello’s hanno permesso che Sabato 1 Giugno la crew americana suonasse nel bel paese. Pensando a cosa raccontare mi sono accorto che potrei parlare di questo live e dei suoi esecutori per ore, quindi, sperando di non dilungarmi troppo provo a sintetizzare tutto di seguito. La Gothboiclique, per chi non ne fosse al corrente, è il principale riferimento per la scena Emo trap (appellativo che risulta spesso erroneo e restrittivo ma ormai anche caratteristico) sfociata su Soundcloud negli ultimi anni.

Continua a leggere “GOTHBOICLIQUE @ Circolo Ohibò, Milano – 1 giugno 2019”

Blank Banshee @ Santeria Toscana, Milano – 17 maggio 2019

L I V E – R E P O R T


Articolo di Cristiano Carenzi

Blank Banshee rappresenta il maggior esponente della cultura vaporwave in campo musicale e venerdì 17 Maggio è tornato in Italia per la prima di tre date. Quella di Milano si teneva al Santeria ed è stata organizzata da Radar Concerti. Blank Banshee è un artista che reputo molto interessante, nei suoi tre album usciti per ora (“Blank Banshee 0”, “Blank Banshee 1” e “Mega”) non si è mai ancorato troppo ai suoni della vaporwave ma ha sempre inserito elementi recuperati da altri generi; nell’ultimo disco ha ripreso addirittura dei suoni affini alla trap. L’altra particolarità del produttore canadese è che fa parte degli artisti senza volto; non è il primo, anzi, negli ultimi anni soltanto in Italia abbiamo avuto I Cani, Liberato e Myss Keta mentre su scala mondiale ricordiamo sicuramente i Daft Punk e gli Slipknot. Così anche lui ha deciso di coprirsi il volto con una maschera che sembra quella di un robot, costituita da tanti quadratini di metallo riflettente che nel complesso è perfettamente in linea con la sua estetica.

Continua a leggere “Blank Banshee @ Santeria Toscana, Milano – 17 maggio 2019”

AA.VV. – Faber Nostrum (Sony, 2019)

R E C E N S I O N E


Articolo di Cristiano Carenzi

Recentemente è stata rilasciata una compilation intitolata Faber Nostrum nella quale molti esponenti di quello che ormai diamo per definito come it-pop, reinterpretano dei brani dello storico cantautore genovese. Mi hanno chiesto di parlarne proprio perché io quando De Andrè era in vita non ero nemmeno nato, mentre ho visto in diretta la crescita esponenziale degli ultimi anni dei protagonisti di questo progetto. Sia comunque chiaro che a casa mia sono cresciuto a pane, De Andrè (e Springsteen) quindi comunque la sua discografia la conosco; rimane che non l’ho vissuto realmente e che non potrò mai farlo, che tra me e la sua musica per quanto possa approfondirla e avvicinarmici, rimarrà sempre come un vetro a dividerci perché io gli anni da lui cantati non li ho mai vissuti. Il disco è composto da quindici cover, alcune delle quali anche in parte riscritte, che ti accompagnano per un’ora abbondante.

Continua a leggere “AA.VV. – Faber Nostrum (Sony, 2019)”

Pijamaparty – Ca$h Machine (Black Candy Records, 2019)

R E C E N S I O N E


Articolo di Cristiano Carenzi

Ca$h Machine è il primo progetto del collettivo Pijamaparty, il quale ha come unica regola proprio quella di non averne. Questo disco infatti non è inquadrabile, ha tantissime influenze diverse che sorprendentemente riescono a stare assieme in maniera molto genuina. Sono quindici tracce nel quale assistiamo ad un fluorescente e ambiguo flusso di coscienza, connotato da una particolare nota bambinesca che rende il tutto più ballabile.

Continua a leggere “Pijamaparty – Ca$h Machine (Black Candy Records, 2019)”

LunchBoxDave – MoonCola (2019)

R E C E N S I O N E


Articolo di Cristiano Carenzi

Mooncola è il nome del primo ep di LunchBoxDave, uscito il 19 Aprile. Di questo ragazzo ne avevo già parlato quando era uscito il primo singolo LegDay, quinta e ultima traccia di questo progetto. Essendo un ep è appunto un progetto molto breve (16 minuti) ma nonostante questo riesce a dare una panoramica generale delle potenzialità del suo autore. I cinque brani sono tutte “trappate ignoranti” come le definirei informalmente ma nonostante ciò variano molto tra loro.

Continua a leggere “LunchBoxDave – MoonCola (2019)”

La Governante – Italian Beauty (La Fabbrica/Label XXXV, 2019)

R E C E N S I O N E


Articolo di Cristiano Carenzi

Il nuovo disco de La Governante lo avevo da qualche settimana eppure, a sei giorni dall’uscita, a parte qualche frase, non avevo scritto nulla. Non perché non mi fosse piaciuto, anzi, ma perché mi sentivo inadeguato a recensire questo disco che apparentemente mi sembrava troppo lontano da ciò che ascolto di solito. Ad un certo punto, senza sapere più dove sbattere la testa sento l’amico che me lo aveva mandato per parlargli di questo problema, chiedendogli anche di consigliarmi qualche band a cui poteva essersi rifatta quella in questione nella stesura dell’album. La sua risposta mi stupisce, facendomi capire che è giusto che io ne parli come ne sono in grado, senza bisogno di troppo studio dietro ad un determinato genere poiché quando sono uscite band come gli Amor Fou o i Non voglio che Chiara io ero piccolo e una passione per la musica non la avevo ancora sviluppata. A questo punto il mio punto di vista cambia e sorpasso le paranoie del dover fare la recensione perfetta e mi chiedo piuttosto: cosa può comunicare questo disco ad un ragazzo di diciotto anni che è solito ascoltare tutt’altra musica?

Continua a leggere “La Governante – Italian Beauty (La Fabbrica/Label XXXV, 2019)”

La Discoteca – Intervista

I N T E R V I S T A


Articolo di Cristiano Carenzi

La Discoteca è un duo nato recentemente e che, dopo aver riarrangiato un brano in chiave Retro Wave, trova ciò che vuole fare e la sua identità musicale. Il loro primo singolo Andiamo al BlockBuster è uscito recentemente, accompagnato anche da un video. Ho scambiato quattro chiacchiere con loro per capire meglio questo nuovo progetto.

Continua a leggere “La Discoteca – Intervista”

WordPress.com.

Su ↑