Ricerca

Off Topic

Solo contenuti originali

Tag

Cristiano Carenzi

Coma_Cose – Nostralgia (Asian Fake/Sony Music, 2021)

R E C E N S I O N E


Articolo di Cristiano Carenzi

Poco più di un mese dopo la loro partecipazione a Sanremo i Coma_Cose hanno pubblicato il loro secondo disco: Nostralgia.
Ammetto che questa recensione doveva essere scritta prima, quindici giorni per scrivere di (di fatto) cinque brani che in totale durano appena 20 minuti sono parecchi ma per assurdo è proprio questo ad avermi bloccato.
Un disco così breve non riesce a costruirsi un’identità (o meglio, è molto più difficile), non riesce ad avere degli alti e dei bassi particolarmente marcati, non riesce a darti indicazioni chiare sul percorso intrapreso dagli artisti. Anzi, forse su questo qualcosa ci dice: il continuo ricorrere alla forma canzone, l’eliminazione delle tipiche particolarità testuali e la forzata voglia di cantare anche quando non si è particolarmente bravi danno un’idea ben chiara di una direzione maggior nazional popolare che hanno deciso di seguire.

Continua a leggere “Coma_Cose – Nostralgia (Asian Fake/Sony Music, 2021)”

Guè Pequeno, Dj Harsh – Fastlife 4 (Island, 2021)

R E C E N S I O N E


Articolo di Cristiano Carenzi

A nove anni dal precedente episodio della saga Gué Pequeno, dopo essersi riavvicinato al produttore dj Harsh decide di pubblicare un nuovo capitolo di Fastlife e nella skit di apertura decide di mettere le cose in chiaro fin da subito affermando che “le liriche che state per ascoltare potrebbero urtare la vostra sensibilità […] per tutti i fake rapper e fake gangster: se la vita veloce non fa per voi, non provate a rifarlo a casa, ma limitatevi a sognare ascoltando il flow che non avrete mai […] ogni strofa che state per ascoltare è stata registrata da Guè con un solo take” insomma, apre le porte ad un progetto che sembra riservarci tanto.
La prima vera traccia si intitola Lifestyle e su una base abbastanza minimale per quanto comunque cruda Guè si lascia andare al racconto dello sfarzo e dei soldi che ama sperperare per quello che è appunto il suo stile di vita. Ad essa seguono i primi di molti featuring: Lazza e Salmo, i quali lo accompagnano in Alex che risulta essere la traccia meno interessante del progetto poiché nessuno dei tre spicca per la strofa e il ritornello suona abbastanza banale.

Continua a leggere “Guè Pequeno, Dj Harsh – Fastlife 4 (Island, 2021)”

Joeboy – Lonely (Banku Music, 2021)

R E C E N S I O N E


Articolo di Cristiano Carenzi

Il nuovo singolo di Joeboy si chiama Lonely ed era l’anticipazione del suo disco solista uscito Venerdì 4 Febbraio, la nuova Stella dell’afro-pop scoperta da Mr. Eazi negli ultimi mesi ha dimostrato tutte le sue capacità. Ciò che mi ha colpito di questo progetto, ed è il motivo per cui sono qua a parlarne, è che in tutto Somewhere beetween beauty & magic -il titolo del disco appena uscito- si respira un’aria internazionale.

Continua a leggere “Joeboy – Lonely (Banku Music, 2021)”

guccihighwaters – Joke’s on you (Epitaph Records, 2021)

R E C E N S I O N E


Articolo di Cristiano Carenzi

Il 22 Gennaio è uscito il nuovo album di Morgan Murphy, in arte guccihighwater per Epitaph Records. L’etichetta gestita dal chitarrista dei Bad Religion infatti nell’ultimo periodo si è concentrata sulla scena emo-trap portando a sé artisti come Coldhart e Lil lotus.
Joke’s on you fa parte di quest’ondata musicale che negli ultimi anni, a partire dal lavoro di Lil Peep e della Gothboiclique, ha preso sempre più piede. Il disco infatti vede la presenza, tra gli altri, di due esponenti importanti del genere come nothing,nowhere. e convolk.
Fin dalla prima traccia si coglie il mood dell’album e non stupisce che i temi trattati siano quelli della solitudine, dell’amore infranto e dell’ansia. Tipici di questo genere vengono declinati nel progetto in una maniera che risulta sorprendentemente gentile e drammatica allo stesso tempo. Sicuramente non si tratta di un disco felice e spensierato ma non risulta nemmeno arrabbiato come altre produzioni vicine all’artista.

Continua a leggere “guccihighwaters – Joke’s on you (Epitaph Records, 2021)”

Playboi Carti – Whole Lotta Red (AWGE/Interscope Records, 2020)

R E C E N S I O N E


Articolo di Cristiano Carenzi

Dopo 859 giorni dal primo annuncio mancato, dopo numerosi leak subiti e dopo un problema contrattuale con l’etichetta precedente il giorno di Natale è uscito Whole Lotta Red, il nuovo disco di Playboi Carti.
Ci sarebbero migliaia di cose da dire e rischia di diventare una recensione troppo lunga, non concentrata sulla musica, dunque concedetemi un’unica premessa: come ogni disco di Carti, non si sa bene perché, migliora ad ogni singolo ascolto. Era stato così per il self titled album d’esordio, è successo con “Die Lit”, ed è stato così per Wlr.
Anche la sua fan-base statunitense ha vissuto ciò reagendo malissimo al primo ascolto, sfogandosi sui social dell’artista con commenti e insulti nemmeno troppo vari. Col passare delle ore però il giudizio si è tranquillizzato ed è stato definito da molti un disco “overhated” (che è stato attaccato troppo e ingiustamente). Sul fatto che hanno attaccato Carti ad un’ora dall’uscita del progetto – chiaro segnale che la musica rischia di diventare sempre più da “fast food” – ci sarebbe da scrivere un eventuale articolo a parte.

 

 

Continua a leggere “Playboi Carti – Whole Lotta Red (AWGE/Interscope Records, 2020)”

I migliori dischi rap / trap stranieri del 2020

R E C E N S I O N E


Articolo di Cristiano Carenzi

Il 2020 è stato un anno strano ma direi che lo abbiamo già sentito abbastanza dunque passiamo direttamente alla musica. Ecco i 5 dischi stranieri che ho trovato particolarmente interessanti per quanto riguarda il rap e la trap: un elenco che potrebbe anche aiutare chi non conosce il genere ma vorrebbe farsi un’idea senza perdere troppo tempo ascoltandosi i tantissimi dischi usciti in un anno.
Un’osservazione prima di iniziare: in America c’è stato un mvp su tutti: Lil Baby, che tra le mille cose eccezionali che ha fatto quest’anno effettivamente ha anche pubblicato un disco, composto da 20 canzoni delle quali però solo la metà sono veramente meritevoli e questo è il motivo per cui non lo troverete qui sotto, anche se lo consiglio.

Continua a leggere “I migliori dischi rap / trap stranieri del 2020”

I migliori dischi rap / trap italiani del 2020

R E C E N S I O N E


Articolo di Cristiano Carenzi

Il 2020 è stato un anno strano ma direi che lo abbiamo già sentito abbastanza dunque passiamo direttamente alla musica. Ecco i 5 dischi italiani che ho trovato particolarmente interessanti per quanto riguarda il rap e la trap: un elenco che potrebbe anche aiutare chi non conosce il genere ma vorrebbe farsi un’idea senza perdere troppo tempo ascoltandosi i tantissimi dischi usciti in un anno. Un’osservazione prima di iniziare: è uscito anche Merce funebre di Tutti Fenomeni che si sarebbe meritato il primo posto ma ho preferito non metterlo essendosi allontanato, sia musicalmente che tramite le sue parole, dal genere in questione. 

Continua a leggere “I migliori dischi rap / trap italiani del 2020”

M¥SS KETA – Il cielo non è un limite ep – Conferenza stampa

C O N F E R E N Z E


Articolo di Cristiano Carenzi

Venerdì 13 novembre è uscito il nuovo Ep di M¥SS KETA e qualche giorno prima sono stato invitato alla conferenza stampa che si sarebbe tenuta su zoom Martedì mattina; come facevo a dire di no ad una call con la mia cantante italiana preferita? E poi c’era la curiosità della conferenza stampa a distanza, la quale si è svelata, per il tipo di evento che è, meno snaturata del previsto. Certo, mancavano gli assaggi che amo mangiare in maniera scomposta una volta finite le domande ma avevo dei cracker integrali in casa e mi sono accontentato.

Continua a leggere “M¥SS KETA – Il cielo non è un limite ep – Conferenza stampa”

Thelonious B – THB (Thaurus, 2020)

R E C E N S I O N E


Articolo di Cristiano Carenzi

Dopo aver fatto i primi passi su soundcloud un paio di anni fa, dopo uno svariato numero di singoli, dopo aver cavalcato diverse wave e dopo la firma con Thaurus, i Thelonious B. sembrano aver trovato una sonorità ben definita e il loro primo album ufficiale, uscito il 29 ottobre, ne è la conferma. Il duo, composto da Thb Brown e Baby Kirua, in realtà aveva già pubblicato un disco, a Giugno 2018, si chiamava Soso e ora è stato rimosso dai loro profili Spotify, era un disco che cavalcava la wave della happy trap che tanto piaceva quell’anno, un disco carino ma ancora poco maturo (anche la precedente playlist “mood” suonava simile ma non era mai stata considerata come un vero e proprio album). Verso la fine del 2018, con l’esplosione della emo trap, pubblicarono qualche singolo con questo nuovo tipo di sound, al che mi chiesi se seguissero solo le mode del momento o avessero qualcosa in più da dare alla trap italiana: l’unica risposta possibile era aspettare e vedere come si sarebbero evoluti.

Continua a leggere “Thelonious B – THB (Thaurus, 2020)”

WordPress.com.

Su ↑