Ricerca

Off Topic

Solo contenuti originali

Tag

Fabio Rondanini

I Hate My Village. A un passo dall’uomo e a un passo dalla bestia per celebrare musica e libertà

I N T E R V I S T A


Articolo di Andrea Notarangelo

Gibbone è il nuovo EP degli I Hate My Village, progetto nato dalla voglia di sperimentazione di Marco Fasolo (Jennifer Gentle), Fabio Rondanini (Calibro 35, Afterhours), Adriano Viterbini (Bud Spencer Blues Explosion) e Alberto Ferrari (Verdena). Dopo l’omonimo album d’esordio del 2019, che ha destato un certo interesse per l’originalità della miscela creata e il sapiente utilizzo dei più disparati ingredienti, eccoli ora tornare con una nuova amalgama psichedelica, condita da musica etnica e blues. Ma le definizioni, non rendono mai giustizia e restano solo un bell’esercizio di stile per chi scrive di musica. La band infatti, ci racconta di come mantiene viva e originale la sua proposta concentrandosi sulla propria attitudine senza badare al risultato. L’innesto di parti noise, care ai quattro, risulta essere una piacevole sorpresa, piuttosto che qualcosa di scontato. Abbiamo avuto l’opportunità di raggiungerli virtualmente per una chiacchierata dal sapore etnografico, dove si è parlato di linguaggio, ritmo, suono e libertà.

Continua a leggere “I Hate My Village. A un passo dall’uomo e a un passo dalla bestia per celebrare musica e libertà”

Rachele Bastreghi – Psychodonna (Warner Music, 2021)

R E C E N S I O N E


Recensione di Elena Di Tommaso

Chi (si) cerca, (si) trova.

Psychodonna è l’album di esordio solista di Rachele Bastreghi, cantautrice e componente dei Baustelle che, in maniera del tutto trasparente e attraverso un viaggio di esplorazione e scoperta di sé, mette a nudo la sua fragilità e la sua forza, la dolcezza e la scontrosità, gli amori e i turbamenti. Cerca un equilibrio senza rinunciare ad essere tutto e il contrario di tutto, tra le infinite sfaccettature dell’universo femminile. Senza rinunciare cioè ad essere sé stessa.
L’album è il frutto di un lavoro intimo durato due anni, fatto di istinto e introspezione insieme, nella quiete notturna della sua stanza. È nel buio della notte, lontano dal frastuono e dal caos del giorno, che la cantautrice senese si prende il suo tempo per guardarsi e analizzarsi, scoprendo – non senza fatica – l’io più intimo e accettandolo nella sua imperfezione, con il coraggio poi di liberarsi e uscire allo scoperto.

Continua a leggere “Rachele Bastreghi – Psychodonna (Warner Music, 2021)”

Max Gazzè – La matematica dei rami (Virgin Records, 2021)

R E C E N S I O N E


Recensione di Francesca Marchesini

Considerando l’ottimismo quel passaggio necessario a compensare la realtà
Considerando un eufemismo dare un senso di equilibrio a questa non felicità

(Max Gazzè, Considerando, 2021)

Per il musicista romano Max Gazzè, La matematica dei rami, album uscito il 9 aprile 2021, è l’undicesimo lavoro in studio. Questa nuova opera nasce dalla collaborazione dell’artista con la Magical Mystery Band (Daniele Silvestri, Fabio Rondanini, Gabriele Lazzarotti, Duilio Galioto, Daniele Fiaschi e Daniele “il Mafio” Tortora); come mostrano le immagini pubblicate da Gazzè sul suo profilo Instagram, l’album è nato da un continuo confronto fra i diversi musicisti che, nonostante i limiti imposti dalla pandemia, sono riusciti a lavorare tutti insieme al Terminal2Studio. Il titolo di questo LP si ispira a un testo di Leonardo Da Vinci, il Capitolo IV del Trattato della Pittura; Gazzè riprende la tesi che i rami dell’albero crescono seguendo un andamento caotico per resistere al vento e la applica tanto alla vita come al suo modo di far musica: è nella casualità delle relazioni e nella differenza degli obiettivi che si trova la resistenza di cui andare fieri e la forza di proseguire.

Continua a leggere “Max Gazzè – La matematica dei rami (Virgin Records, 2021)”

I Hate My Village – I Hate My Village (La Tempesta, 2019)

Articolo di Stefania D’Egidio

I Hate My Village è l’ultimo ambizioso progetto di Adriano Viterbini, chitarrista tra i più talentuosi ed eclettici del panorama musicale italiano, già membro dei Bud Spencer Blues Explosion e di Milano Elettrica, in collaborazione con Fabio Rondanini, batterista di Calibro 35 e Afterhours, ai quali si è aggiunto in un secondo momento una vecchia conoscenza del rock nostrano, Alberto Ferrari dei Verdena.

Continua a leggere “I Hate My Village – I Hate My Village (La Tempesta, 2019)”

Calibro 35 @ Officine Sonore, Catanzaro – 18 febbraio 2018

Articolo di Iolanda Raffaele, immagini sonore di Wlad Alcaro e Matteo Branca

O li odi o li ami ed è così che ti metti alla prova e da lì scopri che non hai motivi per non farti coinvolgere dalla loro musica. Di chi stiamo parlando? Che domande, dei Calibro 35.
Andare ad un loro concerto è un’esperienza da fare almeno una volta nella vita e se una di quelle volte capita nella tua città allora devi esserci, non hai scuse.

Continua a leggere “Calibro 35 @ Officine Sonore, Catanzaro – 18 febbraio 2018”

Afterhours #30 – Agosto 2017 – Bolgheri (Li), Pineto (Te)

Articolo di Luca Franceschini (Bolgheri, 10 Agosto), immagini sonore di Stefania D’Egidio
(Pineto, 13 Agosto)

Arriva un certo momento nella vita in cui ti accorgi che andare ai concerti è diventata una dipendenza. Magari non proprio con tutti i crismi del caso ma ecco, diciamo, qualcosa del genere. Perché scoprire che gli Afterhours suoneranno a cinque minuti di macchina dal luogo dove sei in vacanza per una decina di giorni e  sorprendersi a pensare: “Finalmente un bel concerto!”, quando in realtà sei in vacanza anche per staccare da un certo modo di fruire la musica che ogni tanto rischia di diventare stressante, dà forse una misura della gravità del problema.
Continua a leggere “Afterhours #30 – Agosto 2017 – Bolgheri (Li), Pineto (Te)”

WordPress.com.

Su ↑