Cerca

Off Topic

Voci fuori dal coro

Tag

Milano

Patti Smith @ Prima diffusa – Padiglione Visconti – Milano, 1 dicembre 2019

L I V E  R E P O R T


Articolo di Giacomo Starace 

Il 1° dicembre, la solita Milano piovosa e autunnale ha accolto una figura artistica che è impossibile da definire e rinchiudere sotto l’etichetta di rockstar di tempi passati e ormai finiti: Patti Smith, la sacerdotessa del rock, invitata a un evento gratuito e ristretto facente parte dell’insieme di serate che introducono la prima del teatro La Scala. Grande appassionata di arte, letteratura e ovviamente musica, la Smith ha sottolineato più volte la gratitudine per essere stata invitata a un evento legato al teatro milanese. Accompagnata sul palco dalla figlia Jesse Smith al pianoforte e da Tony Shanahan al basso e alla chitarra, ha eseguito alcuni dei suoi pezzi più famosi e delle brevi letture attorno ai temi amore e arte. 

Continua a leggere “Patti Smith @ Prima diffusa – Padiglione Visconti – Milano, 1 dicembre 2019”

Cerith Wyn Evans – ….the Illuminating Gas @ Pirelli HangarBicocca, Milano

A R T E – M O S T R E


Articolo di Mario Grella

Ci sono luoghi che sembrano costruire l’opera. Che figura farebbero le statue di Lorenzo il Magnifico, quella di Giuliano de’ Medici, quella del Giorno, della Notte, del Crepuscolo e dell’Aurora fuori dalla Sagrestia Nuova di San Lorenzo? Certo conserverebbero il loro pregio, ma ci sembrerebbero “fuori contesto”. Anche le ciclopiche installazioni di tubi al neon di Cerith Wyn Evans, fuori dal mistico spazio del Pirelli HangarBicocca, non sarebbero la stessa cosa.
Scultura allo stato gassoso, se vogliamo, la grandiosa installazione di Evans, che dopo le scorribande nella cultura underground e post-punk, della seconda metà degli anni Ottanta, nel corso dei quali il suo interesse è rivolto alla sperimentazione video, oggi sembra puntare verso le installazioni, utilizzando materiali più vari quali specchi, neon, piante, fuochi d’artificio, proiettori, strobosfere che gli consentono di intraprendere un lungo viaggio di natura sinestesica, attraverso luce, suono, tempo, materia/e.

Continua a leggere “Cerith Wyn Evans – ….the Illuminating Gas @ Pirelli HangarBicocca, Milano”

Canova | Thorvaldsen. La nascita della scultura moderna @ Gallerie d’Italia, Milano

A R T E – M O S T R E


Articolo di Mario Grella

Spesso nella storia dell’arte due artisti furono in competizione. Magari una competizione a distanza, magari non sincronica e magari nemmeno una vera competizione, diciamo un “controcanto”, un allievo che supera il maestro o solo un termine di paragone. Successe con Cimabue e Giotto, con Raffaello e Michelangelo, Canaletto e Guardi e gli esempi potrebbero essere innumerevoli.
Anche Antonio Canova e Bertel Thorvaldsen furono rivali nella Roma settecentesca, classicista e cosmopolita. Che poi proprio da loro nascesse la scultura moderna, come dice il titolo della grandiosa mostra allestita presso le Gallerie d’Italia di Milano, è tutto da vedere; ma si sa che i curatori sono sempre alla ricerca di un filo conduttore, di una tematica, di un trait-d’union, di un pretesto insomma, che giustifichi le loro scelte.

Continua a leggere “Canova | Thorvaldsen. La nascita della scultura moderna @ Gallerie d’Italia, Milano”

Alex Prager – Silver Lake Drive @ Fondazione Sozzani, Milano

A R T E – M O S T R E


Articolo di Mario Grella

Cosa hanno in comune Alex Prager e Duane Hanson? Apparentemente niente: una è nata in California, l’altro nel Minnesota, una è fotografa e regista, l’altro era uno scultore. Eppure passeggiando nel fascinoso “premier étage” di Corso Como, quello della Fondazione Sozzani, il legame tra i due appare più che evidente. Solo che mentre le figure di Hanson sono sculture iperrealiste, quelle di Prager sono fotografie; “artificiale” VS “reale” verrebbe da dire. Ma in entrambi è sempre l’iconico e raggelante concetto di “realtà” a dominare la scena.

Continua a leggere “Alex Prager – Silver Lake Drive @ Fondazione Sozzani, Milano”

King Gizzard & The Lizard Wizard @ Alcatraz, Milano – 15 ottobre 2019

L I V E – R E P O R T


Articolo di Luca Franceschini, immagini sonore di Ambrogio Brambilla

I King Gizzard & the Lizard Wizard sono una band fuori dal comune, direi che è un’affermazione banale ma assolutamente inevitabile. 
Al di là del nome che si sono scelti, che basterebbe da solo a farci parlare per mezz’ora, gli australiani si sono distinti anche dal punto di vista dell’amministrazione della propria carriera e dei propri contenuti musicali: non ci sono molti gruppi, in effetti, che hanno pubblicato 14 dischi in sette anni, cinque dei quali, tra l’altro, nel solo 2017. E non esiste altro gruppo in grado come loro di giocare coi generi e le etichette, stravolgendoli, indossando maschere ed incarnando di volta in volta la veste che è loro più congeniale. Che sia il Jazz di “Sketches of Brunswick East”, la psichedelia rarefatta e vagamente progressiva di “Gumboot Soup”, l’Heavy Metal di “Murder of the Universe” o ancora le bordate stoner di “Nonagon Infinity” o “Polygondwanaland”, ogni uscita di questi simpatici pazzoidi rappresenta un punto di vista unico, un lato differente della loro personalità. 

Continua a leggere “King Gizzard & The Lizard Wizard @ Alcatraz, Milano – 15 ottobre 2019”

The Strumbellas @ Santeria Toscana 31, Milano – 8 ottobre 2019

L I V E R E P O R T


Articolo di Luca Franceschini, immagini sonore di Alessandro Pedale

Partiamo da una considerazione personale: chi mi conosce si stupirà certamente di sapere che sono stato spettatore di un concerto degli Strumbellas, conoscendo bene la mia avversione per band della nuova ondata Folk come Mumford and Sons, The Lumineers, Of Monsters and Man e cose così. Per carità, benissimo quando il genere è declinato con una certa profondità e sofisticatezza (vedi Midlake, San Fermin, i primi Avett Brothers, i primi Band of Horses, The Decemberists, ecc.) ma quando ci sono ingenuità melodiche, ammiccamenti adolescenziali e banali contaminazioni di Pop radiofonico, rimango piuttosto freddo a riguardo.
Ecco, gli Strumbellas appartengono in tutto e per tutto a quest’ultima categoria e, se funzionassi solo ed esclusivamente con il metro della coerenza, dovrei schifarli fino alla morte. Invece, contro tutte le le previsioni, mi piacciono, mi sono piaciuti fin dal momento in cui mi sono imbattuto in “Spirits”, attualmente la loro più grande hit, li ho intervistati (e sono decisamente simpatici, ve lo assicuro), li ho visti dal vivo e posso dire che sia stato un bel concerto, con tutti i limiti del caso, come a breve dirò.

Continua a leggere “The Strumbellas @ Santeria Toscana 31, Milano – 8 ottobre 2019”

Daniel Steegmann Mangrané – A Leaf-Shaped Animal Draws The Hand @ Pirelli Hangar Bicocca, Milano

A R T E – M O S T R E


Articolo di Mario Grella

Non è poi così enigmatico il titolo della mostra al Pirelli Hangar Bicocca (fino al 20 gennaio), se si conosce Daniel Steegmann Mangrané. Anche in questa mostra (dopo “Broken Nature”della Triennale, dopo Nous les Arbres de la Fondation Cartier di Parigi, ma anche di tante altre più piccole), è la natura al centro dell’attenzione. Non è un caso e chi crede, che solo Greta Thunberg stia battendo la grancassa ambientalista, si sbaglia di grosso. Nel mondo dell’arte contemporanea le cose si stanno muovendo da almeno tre anni, ma si sa, secondo la vulgata corrente, l’arte contemporanea è riservata allo snobismo delle elites; può darsi sia vero, ma i veri indifferenti a me sembrano essere coloro che si chiamano fuori da questo cimento. Opinioni.

Continua a leggere “Daniel Steegmann Mangrané – A Leaf-Shaped Animal Draws The Hand @ Pirelli Hangar Bicocca, Milano”

Roger Ballen – The Body, the Mind, the Space @ Fondazione Sozzani, Milano

A R T E – M O S T R E


Articolo di Mario Grella

The Body, the Mind, the Space è il titolo della mostra fotografica di Roger Ballen che la Fondazione Sozzani allestisce prima della “rentrée” autunnale. Preparatevi al peggio, niente dolcezze, niente morbidezze, ma molto lugubre decorativismo per questo grandissimo fotografo americano che dal 1982 vive in Sud Africa.

Continua a leggere “Roger Ballen – The Body, the Mind, the Space @ Fondazione Sozzani, Milano”

Sheela Gowda – Remains @ Pirelli Hangar Bicocca, Milano

A R T E – M O S T R E


Articolo di Mario Grella

Solo qualche mese fa, in questo stesso ambiente, la prima campata dell’immenso spazio del Pirelli Hangar Bicocca, era installato un celebre igloo di Mario Merz. Anche oggi, in questo luogo, che sarebbe banale definire “magico”, ma che si è molto vicini al vero definendolo mistico, ancora un rifugio, una “shamiana”, una tenda della tradizione indiana, liberamente interpretata dalla grandissima artista Sheela Gowda, della quale l’hangar ospita una incantevole esposizione, Remains.
“Remains” significa rimanere, ma anche perdurare nel tempo e le opere di Sheela Gowda perdurano da sempre, dalla notte dei tempi, in una terra antica e misteriosa, per noi quasi incomprensibile.

Continua a leggere “Sheela Gowda – Remains @ Pirelli Hangar Bicocca, Milano”

WordPress.com.

Su ↑