Musica Nuda – Little Wonder (Warner Music Italy, 2015)

Postato il Aggiornato il

musicanuda_cover

Articolo di Rachele Baglieri

Ritornano a distanza di due anni dall’ultima pubblicazione il contrabbasso di Ferruccio Spinetti e la voce di Petra Magoni, ovvero Musica Nuda. Il 31 marzo è infatti uscito “Little Wonder”, il loro nuovo album registrato dal vivo sul palco del Teatro di San Casciano, in provincia di Siena.
L’album, come cita il titolo stesso, è una piccola meraviglia, un regalo che i due artisti hanno voluto fare soprattutto a loro stessi, ritracciando quel percorso e quella dimensione intima che è l’essenza del loro duo: contrabbasso e voce.


Il disco, frutto di tre giorni di registrazione, si muove tra 11 pezzi, italiani e stranieri proponendo rifacimenti unici nella resa sebbene non stravolti.
Si inizia con il pezzo reggae “Is this Love” di Bob Marley dove l’armonia del brano viene seguita da una linea di contrappunto estemporaneo per poi passare a “Ain’t no sunshine” di Bill Whiters.
Voce e contrabbasso si mescolano ed accompagnano con la stessa sintonia e spontaneità di una coppia che si conosce da tanti anni e sa quando cedere il passo all’altro, ora facendosi più grossa e ruvida o leggera la voce, ora mostrando la propria profondità e il proprio andamento jazz il contrabbasso. Entrambi sempre dando spazio all’unica vera protagonista di tutti i brani: l’emozione.
«Practical arrangement» è un brano di Sting, esempio di pop sofisticato seguito da riferimenti a canzoni d’autore italiane e
straniere con le traduzioni di Vladimir Vysotsky con “Al freddo al freddo”, di Chico Buarque con “Far niente”, che vede la partecipazione di Nicola Stilo, unico ospite dell’album, alle chitarre e ai flauti e di Piero Focaccia con “Stessa spiaggia, stesso mare” cantata in francese e tradotta in “Tout s’arrange quand on s’aime”.
“Io sono metà” è l’unico brano originale del repertorio di Musica Nuda, che sembra qui rivivere una seconda vita.
Grande sorpresa che mi ha strappato un sorriso riportandomi alla mia infanzia e a ricordi felici, il rifacimento leggero e tenero di “Sei forte papà”.
Ricco di personalità è il pezzo “Un vecchio errore” di Paolo Conte così come “Quand il est mort le poète” di Gilbert Bécaud cantata in francese, oltre a una dolcissima “La vie en rose”, brano di chiusura dell’album e cantato come bis durante i loro tour francesi.
Petra Magoni e Ferruccio Spinetti sono riusciti a dare vita, ancora una volta, a una raccolta di piccole grandi meraviglie, muovendosi con forza e delicatezza all’interno dell’animo umano, con la consapevolezza di essere in grado di dare vita ai più variegati sentimenti, facendo semplicemente ciò che a loro riesce davvero bene: musica nuda.


TRACKLIST
01 ‐ Is This Love (B.Marley)
02 ‐ Ain’t No Sunshine (B. Withers)
03 ‐ Practical Arrangement (Sting)
04 ‐ Quand Il Est Mort Le Poète (Becaud)
05 ‐ Tout S’Arrange Quand On S’Aime (Mogol‐Piero Soffici‐Testo francese: André Salvet‐Claude Carrère)
06 ‐ Al Freddo al Freddo (Kholoda) (Vladimir Vysotskij Semenovich‐Sergio Secondiano Sacchi)
07 ‐ Un vecchio errore (P. Conte)
08 ‐ Io sono metà (Magoni ‐ Spinetti ‐ Pacifico)
09 ‐ Sei forte papa’ (Stefano Jurgens‐Bruno Zambrini)
10 ‐ Far niente (Bom tempo) ‐ (C.Buarque‐Bardotti)
11 ‐ La Vie En Rose (Édith Piaf ‐ Louis Gugliemi)

 

Advertisements

Un pensiero riguardo “Musica Nuda – Little Wonder (Warner Music Italy, 2015)

    Antonio ha detto:
    13 aprile 2015 alle 10:37

    Disco fantastico, gli ho scoperti di recente e devo dire che dal vivo sono straordinari.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...