Manuel Tavoni – Back To The Essence (A-Z Blues Records, 2017)

Postato il

Articolo di Roberto Bianchi

Manuel Tavoni è un cantante e chitarrista emiliano all’esordio discografico, ma non è certo un novellino. Grazie al padre musicista, ha fatto amicizia con la chitarra sin da bambino, seguendo gli insegnamenti convenzionali e affinando la propria tecnica con tanto lavoro autodidatta. Il canto è una risultanza di studi scolastici ed esperienze acquisite in un coro gospel Americano itinerante tra Milano, Firenze e Modena.

Il ragazzo ha fatto gavetta suonando spesso dal vivo e immergendosi in diversi generi musicali, questo gli ha permesso di avere una completa formazione, ma anche una grande apertura mentale.

Se si parla di American Music non esistono dubbi: i suoi grandi  amori sono il gospel e il blues. Gli autori che lo hanno maggiormente influenzato sono i grandi King, cominciando dal mito B.B., proseguendo con Albert e non dimenticando il talentuoso Freddie. Tra i protagonisti contemporanei Manuel ammette di sentirsi molto vicino a Jonny Lang, e di ascoltare con grande attenzione Marcus King e Chris Stapleton.

Back To The Essence è un sentito omaggio al genere, ma non è una celebrazione: c’è molta personalità nelle composizioni, tutte autografe e con sonorità elettriche. I testi sono in inglese e mettono in risalto il desiderio di libertà, la vita quotidiana e l’amore per la famiglia: tracce autobiografiche, ma con la ferma intenzione di trasmettere messaggi universali.

La sua band è molto affiatata, composta da grandi amici che si capiscono al volo: Alberto “Paddo” Paderni alla batteria; Steve DeVille alla chitarra; Cristiano Gianfranceschi al piano, Hammond, armonica e cori; Andrea Moretti al basso e Ylenia Renè ai cori. Ospiti speciali: Marcus Tondo all’armonica e Lorenz Zadro alla chitarra. La voce di Manuel è calda, flessibile, ben modulata; i suoni della sua chitarra qualitativi, personali e le composizioni scorrevoli e accattivanti. Aggiungo che il disco è stato registrato in presa diretta, per offrire un sound reale, sincero, come in un live concert.

L’iniziale Fight For My Freedom è un rock blues ben strutturato che contiene un ottimo assolo di chitarra; I’m Talking About The Blues mette in evidenza le qualità vocali di Tavoni e il preciso suono dell’Hammond. Free To Be è una ballata, fresca e di grande presa; Back To The Essence ci offre una sapiente miscela di Blues e Gospel: armonica, piano, chitarre, voci e a cori sono al posto giusto. Trascinante, ritmata e riuscita My Baby Doesn’t  Speak; molto evocativa The Party: soul, rock e blues che si intersecano, rincorrono, sovrappongono!

When The World Sleep è una splendida ballata, che da sola potrebbe giustificare l’acquisto del disco: My Grandma ci trasporta magicamente lungo il delta del Mississippi regalandoci armonie legate alle origini del blues. Angel Of The Night e I Take A Moment chiudono degnamente un album sorprendente, che nasce dal blues, ma spazia con grande disinvoltura tra le pieghe del funk, del soul, del gospel e del rock: un fulmine a ciel sereno, illuminante, inaspettato!

Manuel “King” Tavoni è un musicista da seguire con molta attenzione, sono certo che questo è solo un punto di partenza, sentiremo parlare spesso di lui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.