Gli Scordati di Joe – Vol. 22

Postato il Aggiornato il

Note di merito per album passati distrattamente in secondo piano, ma meritevoli di un loro piccolo spazio. Nell’impossibilità di raccontare tutto ciò che viene prodotto, una selezione di dischi con confronti senza vincitori, né punteggi; ma con la presunzione di restituire una sensazione il più immediata possibile, attraverso un’analisi che va oltre le solite stellette.

Articolo di Giovanni Carfì

Circo Boia

Loro sono in due e arrivano da Grosseto, all’anagrafe Erika Fassari (voce e chitarra) e Joey Chiarello (basso). Dopo qualche trascorso oltreoceano, tornano con il loro bagaglio musicale, e sotto la direzione di Gian Maria Accusani, danno alle stampe un vero pugno nello stomaco. Sonorità rock, punk, un po’ di reggae sarcastico e qualche violino irlandese alcolico, tutto condito da un cantato a due centimetri dal tuo naso.

Opus 3000

Pianoforte, violoncello ed elettronica, gestiti rispettivamente da Gloria Campaner, Alessandro Branca e Francesco Leali. La particolarità di questo lavoro risiede nell’approccio usato, dove la formazione comune è quella classica, ma la voglia di sperimentare anche in modo estremo è comunque importante, e si sente. Onde sonore, richiami, impressioni che fluttuano e abbagliano, estrapolandoci da tempo e contesto.

Yoop

Non voglio immaginare la nebbia vicentina, ma loro sono partiti da lì; in una notte agitata tra sogni e amori consolidano la loro collaborazione reciproca, dando origine a questo primo album. Luca Sammartin e Valentina Sicco, rispolverano cassette anni ’80, con meno artifici plasticosi, aggiungendo quell’animo dark e decadente di altri filoni musicali di quel periodo, rivisitando il tutto in modo personale e contemporaneo.

Gold Miners Night Club

Federico Capuzzi (chitarra e voce), e Nicola Romano (batteria e cori). Niente di più che non sia essenziale, quindi via basso, via elettronica, via seconde inutili chitarre e presa diretta. Nell’era in cui puoi fare musica anche se non sai la differenza tra una scala di “Do” e una scala a chiocciola, loro portano avanti una filosofia puristica R’n’R, togliendo il superfluo per avere un impatto diretto e genuino, fortunatamente riuscendoci.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...