Gli Scordati di Joe – Vol. 27

Postato il

Note di merito per album passati distrattamente in secondo piano, ma meritevoli di un loro piccolo spazio. Nell’impossibilità di raccontare tutto ciò che viene prodotto, una selezione di dischi con confronti senza vincitori, né punteggi; ma con la presunzione di restituire una sensazione il più immediata possibile, attraverso un’analisi che va oltre le solite stellette.

Articolo di Giovanni Carfì

Lisa Kant

Spesso si usa la parola “viaggio”, in questo caso è più una rievocazione; sacro, profano, cupo e misterioso. Un lavoro di ricerca, sonora e di racconto attraverso cui “Lisa” ci rende partecipi e ascoltatori passivi, di sonorità quasi arcaiche e oscure, dove riesce ad introdurre qualcosa di così moderno come l’elettronica, rendendola semplicemente parte integrante del tutto.

 

Melissa Laveaux

Nasce in Canada, ma i genitori sono originari di Haiti. Attiva nel sociale e condizionata da quel che si ascoltava in casa, si avvicina e ritrova le sue origini lavorando a questo album. Visita Haiti, raccoglie e approfondisce storie, e suoni; rielabora e arrangia vecchi brani ancora vivi nella sua memoria, restituendo a se stessa quelle origini da cui forse si era allontanata un po’.

 

Vertical

Ultima parte di una trilogia di Ep, dove sono molteplici gli elementi presenti e le influenze. Un lavoro fresco, interamente strumentale, dove l’ascolto non risulta né noioso, né ripetitivo, grazie alla giusta miscela di accenni funk, black, e un uso trasversale di psichedelia che colora e arricchisce la trama musicale. Loro arrivano dal “vicentino”, ma gli unici accenti che usano sono quelli sulle note giuste.

 

Carlot-ta

Quando si parla di organo a canne, l’immagine è di qualcosa di antico, sacro, dal suono reverenziale, quasi difficile da immaginare fuori da quel contesto. Invece per Carlotta è stato colpo di fulmine, e ne ha accettato la sfida, animando questo meccanismo che respira, ma piegandolo al suo sentire. Composizioni curiose, romantiche e allo stesso tempo grottesche, a cui riesce a dare una sua personale voce.

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.