Note di merito per album passati distrattamente in secondo piano, ma meritevoli di un loro piccolo spazio. Nell’impossibilità di raccontare tutto ciò che viene prodotto, una selezione di dischi con confronti senza vincitori, né punteggi; ma con la presunzione di restituire una sensazione il più immediata possibile, attraverso un’analisi che va oltre le solite stellette.

Articolo di Giovanni Carfì

TheShameless1

The Shameless

Arrivano da Ragusa (Sicilia) e sono: Ippolito Nicolini (voce, chitarra), Gianpaolo Cassarino (basso, tastiere), Alberto Difalco (batteria), Gaetano Scribano e Giuliano Spataro (chitarre). Disco d’esordio dove la voce risente d’influenze anglofone, mentre le chitarre giocano tra loro creando un sound avvolgente, in perfetta sintonia con la sezione ritmica; il tutto restituisce una polvere sonora ad ogni colpo di batteria.

 

DeadCat2

Dead Cat in a Bag

Terzo album per questo “Ensemble” di musicisti ricco di suggestioni; sia teatrali che cinematografiche (Tom Waits su tutti). Un viaggio multi-sonoro, attraverso polvere e ambientazioni western, per passare poi da sonorità balcaniche ad incursioni “parigine”. Bisogna perdersi, seguendo un violino triste e vibrante, o seguendo strani echi difficili da collocare; sinistro e affascinante allo stesso tempo.

 

Chvrches3

Chvrches

Sono partiti da Glasgow, poi il successo li ha proiettati in ambientazioni più grandi e prestigiose; ora sono al terzo lavoro. La voce adolescenziale di Lauren Mayberry, non ha vie di mezzo, o piace o infastidisce, Iain Cook e Martin Doherty si muovono attraverso sonorità sintetiche, attingendo dal pop anni ’80 e ridandogli una nuova veste. Su questi tappeti sonori, la voce e l’immagine di Lauren, si sposano a meraviglia.

 

Ties4

Ties

Debutto per questa cantante di origine pugliese, che da qualche anno promuove il suo mondo musicale; qualche collaborazione, concerti e premi che la portano oggi, alla prima prova concreta in studio. Il risultato è un Ep curato, la voce è ben ponderata e in primo piano, e attraverso pochi brani cerca di sperimentare, sia vocalmente che musicalmente; il margine per ora non è molto ampio, ma le premesse sono buone.

 

Analisi5