Articolo di Cristiano Carenzi

Il 23 novembre scorso è uscito il primo singolo di LunchboxDave intitolato Leg Day. L’idea del progetto del ragazzo è quella di unire il mondo del fitness a quello della trap. Sul primo non posso esprimermi, quindi mi concentrerò sul secondo. Il brano è una classica trappata adatta per gasarsi in palestra (esperienza a me sconosciuta) o nel corso di una serata: quello che in America chiamano Banger.

Anche il linguaggio è tipico del genere, infatti inserisce espressioni come: “sai che non vado mai errato”. L’uso volutamente particolare della lingua italiana lo abbiamo presente grazie ad altri artisti come MamboLosco ed è una caratteristica abbastanza frequente in questo ambito. Il pezzo quindi, guardandolo dal punto di vista musicale, ha tutte le carte in regola per sfondare. Il problema è che nel mercato odierno si tratta di un fattore che va di pari passo all’immagine del personaggio e alla sua capacità di arrivare alle masse. Per realizzare il secondo obiettivo ci sono due soli modi: il primo è farsi spingere da artisti più famosi, come abbiamo visto fare dalla Dark Polo Gang con il già citato MamboLosco o come SferaEbbasta con DrefGold. Il secondo invece (che è anche più rischioso) è quello di cucirsi addosso un personaggio talmente assurdo che diventi impossibile non attirare l’attenzione del pubblico, come ha fatto Young Signorino o come stanno facendo Gallagher e Traffik. LunchboxDave si presenta con una personalità solida, questo singolo è forte, gli manca solo di far arrivare il suo nome a più gente e poi avrà vinto.