R E C E N S I O N I


Articolo di Giovanni Carfì

Note di merito per album passati distrattamente in secondo piano, ma meritevoli di un loro piccolo spazio. Nell’impossibilità di raccontare tutto ciò che viene prodotto, una selezione di dischi con confronti senza vincitori, né punteggi; ma con la presunzione di restituire una sensazione il più immediata possibile, attraverso un’analisi che va oltre le solite stellette.

The Paper Kites

Seconda parte di quello che era nato come un doppio cd, ma la diversità tra le canzoni composte era tale che è stato posticipato. Sono australiani nonostante il sound abbia chiare venature americane e sfumature anni ’80, ciò nulla toglie ad un lavoro ben composto e con buoni arrangiamenti. Curiosa la genesi dell’album, dove i protagonisti involontari, sono stati gli inquilini del palazzo di fronte a quello della band.

Nosound

La band è italianissima, arrivano da Roma e si sono formati nel 2002. Nonostante vari cambi di line-up, la figura centrale è quella di Giancarlo Erra, per il resto verrete catapultati in un ambito che di romano ha ben poco. Gli arrangiamenti e i suoni sono ricercati, cesellati su una tessitura vocale molto particolare, anche se alle volte sembra quasi eccedere, o forse è un’impressione o solo un sogno musicale. Consigliatissimo.

Beta Radio

Ben Mabry, Brent Holloman e una casa del North Carolina; aggiungi chitarra, voce, banjo, basso e altri strumenti trovati/riscoperti, ed ecco un disco molto intimo e soft. Nulla di originale, ma neanche di scontato nel panorama alt rock/folk. Un disco dal quale traspare una sensazione strana, di tranquillità, di calma e di isolamento, una sorta di bolla sospesa, nella quale i due hanno trovato una loro dimensione.

Il Corpo Docenti

Un Ep dove i tre ragazzi di Brescia e dintorni, mettono in bella il frutto di un anno intenso di convivenza e condivisione, tra palco e vita comune. Di sicuro si può fare di meglio, ma le basi ci sono per ondeggiare la testa a tempo e gridare i ritornelli, con quel piglio adolescenziale, quella voglia di urlare e farsi sentire, raccontando emozioni e stati d’animo personali.