R E C E N S I O N E


Recensione di Letizia Grassi

Storia interessante quella di Tom Misch e Yussef Dayes. Il primo, 24 anni, ha debuttato nel 2018 con l’album Geography, facendosi notare per le doti da chitarrista jazz. Il secondo, di qualche anno più grande, è uno dei batteristi più entusiasmanti emersi dalla scena jazzistica londinese. La musica, in particolare il jazz, li unisce da molto tempo, e la collaborazione all’album What Kinda Music sancisce questa passione comune. Il progetto Misch-Dayes ha dato vita ad un meltin pot melodico, una coagulazione fluida e intuitiva di suoni che spaziano dall’acid jazz, all’hip pop vintage, e dall’elettronica fino all’R&B.

Il titolo stesso dell’album rimanda ad un’apparente impenetrabilità stilistico-espressiva, data da una voluta deviazione artistica. La tecnica e la ricerca creativa dei due musicisti inglesi si fondono in un’esemplare scrittura musicale che, lungi dall’essere improvvisata, trasmette sicurezza e sperimentazione. Dunque, l’album ha tutto il diritto di domandarsi “what kinda music”, e Tom e Yussef sono ben lieti di rispondere.
Il modo migliore per ascoltare l’album è concentrarsi solo sulle melodie dei brani. I testi offrono in gran parte luoghi comuni sull’amore e la nostalgia. Il vero fulcro di What Kinda Music è la musicalità e l’intreccio di suoni che generano una moltitudine di umori. Ne è un esempio Sensational, un assolo psichedelico scandito dai battiti precisi e incessanti di Dayes.
Un’atmosfera notturna, invece, permea Nightrider. Mentre la batteria segue il suo percorso, vari suoni si alternano insieme alla voce di Misch e a quella del rapper Freddie Gibbs, ospite d’onore in questo brano.
La prima parte dell’album sembrerebbe essere più sognante, tranquilla e lenta. Nella seconda, invece, la batteria di Dayes catalizza la scena. Già con Tidal Wave i rulli di tamburo diventano i protagonisti. Essi fanno da contrappunto alla voce stratificata di Misch, confermando la capacità di entrambi i musicisti di muoversi agilmente all’interno di melodie diverse ma combacianti.
La perfetta fusione tra batteria di Dayes e chitarra di Misch è il risultato del brano Lift Off. Si tratta di una jam session lunga 5:19 minuti, nella quale il DNA dei due musicisti si fonde piacevolmente seguendo un unico e invisibile filo conduttore di cui solo loro conoscono i limiti. Sullo stesso stile è costruito il singolo I Did It For You, nel quale la malinconia della voce di Misch si riversa su un riff di chitarra a più livelli e sul ritmo scandito dalla batteria di Dayes.
Pur spaziando tra vari generi What Kinda Music esprime senza dubbio una coesione musicale. Il forte sottofondo jazzistico permette l’accostamento di più stili, generando un insieme di motivi estremamente interessanti. Si tratta di un esperimento coraggioso, ma ben riuscito, una modalità totalmente creativa di parlare attraverso tutti i colori delle note.

Tracklist:
01. What Kinda Music
02. Festival
03. Nightrider (feat. Freddie Gibbs)
04. Tidal Wave
05. Sensational
06. The Real
07. Lift Off (feat Rocco Palladino)
08. I Did it For You
09. Last 100
10. Kyiv
11. Julie Mangos
12. Storm Before the Calm (feat Kaidi Akinnibi)