D O W N L O A D   E S C L U S I V O


Articolo curato da Iolanda Raffaele

Leggendo L’Altro Secolo, cosa pensate?
Un giornale o una citazione storiografica? Sorridete o restate increduli?
Off Topic ha cercato di dare una risposta e di condividerla con voi, conducendovi alla scoperta di un bravo giovane artista e della sua ultima creatura.
L’Altro Secolo è il progetto musicale di Stefano Riggio, talento milanese di soli 25 anni, che ha impresso nel nome la propria concezione di musica frutto del brit pop inglese e del cantautorato italiano degli anni ’70 e ha cercato di dare vita in modo originale a prodotti artistici di qualità ed interessanti. Oggi v
i presentiamo Onde, il nuovo singolo in download esclusivo.

Partito nel 2018 con il nome di Settembre con cui pubblica l’album autoprodotto Di questi tempi, tra live e appuntamenti musicali nel 2019 inizia il percorso con il nuovo nome e dà alla luce Vertici, lavoro edito da Costello’s e distribuito da Artist First.
Nel 2020, dopo le istantanee musicali di Kodak, che parla del tempo e della possibilità di immortalare e rendere eterno un momento perfetto, e i frammenti di una relazione amorosa dagli inizi alla separazione, tra momenti felici e tristi, in Junkie Food, il 4 settembre arriva Onde.
Se il lockdown ha bloccato e modificato la nostra vita, non ha fermato l’estro creativo di Stefano Riggio che, con il suo tono ritmato e brioso e quella cadenza che strizza l’occhio alla band Canova, recentemente scioltasi, e al passato della tradizione musicale italiana, ha proseguito nel dare sfogo alle sue mille intuizioni e idee musicali.

Romantica e descrittiva, Onde accosta ad una musica lenta e dall’incedere misurato un testo dolce incentrato sull’essenziale, su ciò che, al di là delle apparenze e delle finzioni quasi reali che ci costruiamo quotidianamente, veramente conta e riempie la nostra esistenza.
Nella ricerca di un posto dove andare, di un luogo sicuro, di una casa da abitare, la persona amata si conferma quello più giusto ed immediato senza che ci sia bisogno di tante parole.
Se si chiudono gli occhi si percepisce la commistione tra modernità e bellezza del cantautorato italiano che inesorabilmente contamina la musica che si spinge a grandi slanci, e si nota la tendenza ad esprimere messaggi forti senza entrare a gamba tesa o in modo troppo costruito, ma con timida umiltà musicale.
L’Altro Secolo continuerà a stupirci con nuove canzoni?
Noi non vi anticipiamo nulla, per ora vi lasciamo in compagnia di Onde, una giusta carica di romanticismo in un’epoca con pochi romantici.