Alcatraz

Le luci della centrale elettrica @ Alcatraz – Milano, 13 aprile 2017

Postato il

Articolo e immagini sonore di Starfooker

Arriva finalmente anche a Milano il nuovo tour de Le luci della centrale elettrica. L’occasione è importante, portare in scena l’ultimo lavoro “Terra”, il primo album che pare mettere d’accordo una critica finora divisa sulla produzione passata e anche il pubblico presente è chiaramente diviso in due blocchi: davanti una fanbase che negli anni non si è mai tirata indietro nel supporto (nonostante un certo bullismo nei loro confronti) mentre nelle retrovie i nuovi curiosi e qualche appassionato che si sente troppo “anziano” per le prime file.
Leggi il seguito di questo post »

Motta @ Alcatraz, Milano – 1 aprile 2017

Postato il

Articolo di Luca Franceschini, immagini sonore di Andrea Caristo

E’ finito in un bell’abbraccio con Riccardo Sinigallia, il concerto di Francesco Motta all’Alcatraz. Il cantautore romano, che ha prodotto “La fine dei vent’anni” e gli ha pure dato una grossa mano nell’indirizzo artistico dei testi, in teoria non avrebbe dovuto prendere parte a questa festa di fine tour; in effetti non ha suonato, ma sulle note finali della titletrack, penultimo brano in scaletta, è comparso a sorpresa (per lo meno del pubblico) e ha accompagnato Francesco sui cori finali. Non senza averlo prima esortato a guardare davanti a lui, dove un paio di migliaia di persone cantavano e applaudivano adoranti.
Leggi il seguito di questo post »

Quest’appartenenza che abbiamo trovato: due parole e forse più con i Fast Animals and Slow Kids

Postato il

Intervista di Giovanni Tamburino
Immagini sonore di Valentina Brosolo (intervista e backstage) e Stefano Brambilla (concerto)[scattate all’Alcatraz, Milano, il 18 marzo 2017]

Sono passate le 20.45, la fila davanti le porte dell’Alcatraz si estende in tutta la sua mole di adolescenti e studenti universitari in attesa di una serata che, a giudicare dai precedenti, potrebbe diventare indimenticabile.
A tredici mesi dalla conclusione del tour promozionale di Alaska, i Fast Animals and Slow Kids sono tornati a Milano per il nuovo album: Forse non è la felicità.

Leggi il seguito di questo post »

Motta: Si può essere felici anche di invecchiare – l’intervista

Postato il Aggiornato il

Intervista di Luca Franceschini

Quando circa un anno fa ascoltai per la prima volta “La fine dei vent’anni”, il debutto da solista di Francesco Motta, conosciuto fino ad allora per la sua militanza nei Criminal Jokers, lo feci soprattutto perché era stato prodotto da Riccardo Sinigallia e non avrei mai immaginato che adesso sarei stato ancora qui a parlarne. Invece, non solo quel disco è stato in cima alle mie preferenze per quanto riguarda le uscite italiane del 2016, ma ha anche ottenuto tantissimi premi e riconoscimenti di prestigio (tra cui la Targa Tenco per il miglior esordio).
Leggi il seguito di questo post »

Brunori Sas @ Alcatraz – Milano, 2 marzo 2017

Postato il Aggiornato il

Articolo di Simone Nicastro immagini sonore di Starfooker

“A casa tutto bene” è un gran bell’album. Intenso nelle parole e nella musica. Arrangiato benissimo senza però perdere quell’immediatezza tipica delle precedenti opere della Brunori Sas. Ma quello che mi ha colpito fin dal primo ascolto è stata la percezione della contemporaneità delle canzoni, una semplice e autentica aderenza nel racconto del nostro quotidiano. Brunori parla a tutti noi mentre parla a sé stesso. Con la schiettezza di chi ha poco o nulla da evitare o edulcorare nel proporre la sua “opinione artistica”.

Leggi il seguito di questo post »

Glen Hansard @ Alcatraz, Milano – 14 Ottobre 2015

Postato il Aggiornato il

02

Articolo di Luca Franceschini, immagini sonore di Roberto Sasso

Vedere Glen Hansard dal vivo rientra tra quelle esperienze musicali che una volta nella vita vanno fatte per forza, non importa che uno sia fan o meno dell’artista irlandese.
Leggi il seguito di questo post »

Gov’t Mule @ Alcatraz – Milano, 20 Maggio 2015

Postato il

6

Articolo di Fabio Baietti Immagini sonore di Federico Sponza

Da un gruppo come i Gov’t Mule si pretende sempre il massimo, che la performance sia la cosa più prossima alla perfezione artistica, vista la qualità dei musicisti.Tra insoddisfazioni oggettive (locali dall’acustica indecente) e piccole recriminazioni personali, (durata del concerto, scaletta, etc…) in tutti questi anni non ero ancora riuscito a “vivere” il mio concerto “perfetto” di Warren Haynes e soci. La serata dell’Alcatraz “riporta tutto a casa” e lascia un ricordo indelebile per suoni e immagini.

Leggi il seguito di questo post »