Giovanni Tamburino

L’orgoglio di una mela marcia: The Zen Circus live @ Alcatraz, Milano – 19 aprile 2018

Postato il Aggiornato il

Report di Giovanni Tamburino, immagini sonore di Stefania D’Egidio

Ci si sente quasi dei veterani a saper ormai indovinare quando una serata all’Alcatraz sembra promettere bene. Si vede negli occhi della gente già seduta davanti al palco in quel punto che a breve diventerà l’ombelico del mondo, aprendosi e chiudendosi a ritmo di corpi scatenati, finalmente sguinzagliati dalla foga del pogo. Del resto, va anche ammesso che non ci vuole un profeta per capire che un concerto degli Zen Circus non è posto per stare stesi a farsi le coccole, soprattutto considerando le referenze dell’ultimo loro lavoro: Il fuoco in una stanza, ennesimo successo della trionfale carriera della band pisana.

Leggi il seguito di questo post »

Crystal Kung – Il piccolo vagabondo (Bao Publishing, 2018)

Postato il

Articolo di Giovanni Tamburino

Un viaggiatore che non riesce più a orientarsi, una pittrice di strada a cui nessuno chiede ritratti e un fotografo alla ricerca di mostri leggendari. E ancora un anziano che passeggia solo su un molo e una ragazza in una città dove tutti vivono con una gabbia per uccelli al posto della testa.

Leggi il seguito di questo post »

Punkreas live @ Alcatraz – Milano, 24 marzo 2018

Postato il

Report di Giovanni Tamburino, immagini sonore di Stefania D’Egidio

Sono le 20 quando i primi arrivati iniziano a posizionarsi davanti la transenna dell’Alcatraz. Inizialmente sono ragazzi di nemmeno vent’anni, ma più gente arriva, più ci si rende conto che la varietà di età e soprattutto umana sarà la protagonista della serata. Tra dreads, giubbotti di pelle e camicie monocromate di chi è appena uscito dall’ufficio, stasera il variegato popolo del punk italiano si è radunato qui per celebrare chi è stato un tempo fu suo figlio prediletto e che ora è diventato a sua volta padre.

Leggi il seguito di questo post »

Fast Animals and Slow Kids live @ Magazzini Generali – Milano, 9 marzo 2018

Postato il Aggiornato il

Report di Giovanni Tamburino, immagini sonore di Stefania D’Egidio

E’ sera, una delle prime quel minimo piacevoli da potersi godere all’aperto una cena frugale a base di birra e tranci di pizza. Respiriamo quell’aria fresca sul marciapiede davanti i Magazzini Generali sapendo che presto ne sentiremo la mancanza. La serata promette di scaldarsi, una volta varcata la soglia.

Leggi il seguito di questo post »

Zerocalcare – Macerie Prime (Bao Publishing, 2017)

Postato il Aggiornato il

Articolo di Giovanni Tamburino
Scenario post-apocalittico, un po’ stile “La strada” di McCarthy. Un vecchio e un bambino custodiscono una memoria che non va assolutamente perduta. Un quaderno che sembra una guida in un mondo più pericoloso di quanto si creda.
Cambio scena. Il Nostro è in treno con l’inseparabile amico armadillo, verso uno degli eventi più sconvolgenti che storia umana abbia mai visto: il matrimonio di Cinghiale.

Leggi il seguito di questo post »

Robert Plant – Carry fire (Nonesuch records, 2017)

Postato il Aggiornato il

Articolo di Giovanni Tamburino
1968: l’alba di una band destinata a cambiare definitivamente il corso della musica. Esorditi come rapida sostituzione degli Yardbirds, i Led Zeppelin hanno preso in mano il destino del rock, per poi modellarlo e accompagnarlo oltre le decadi e persino oltre loro stessi (onore e gloria a te, John Bonham).

Leggi il seguito di questo post »

Waxahatchee @ Serraglio, Milano – 16 settembre 2017

Postato il Aggiornato il

Articolo di Giovanni Tamburino, immagini sonore di Stefania D’Egidio

Settembre è arrivato, portando novità e pioggia. Questa sera principalmente pioggia. Nonostante ciò, una discreta folla ha comunque sfidato la bufera per dare il benvenuto sotto le luci del Serraglio alla star del momento nel mondo dell’indie rock a stelle e striscie: Waxahatchee, progetto musicale della giovane cantante e compositrice Katie Crutchfield, impegnata nel tour promozionale di Out In The Storm, uscito a luglio per Merge Records a luglio.

Leggi il seguito di questo post »