Ricerca

Off Topic

Solo contenuti originali

Tag

Giovanni Tamburino

Carlo Corallo – Quando le canzoni finiscono (Osa Lab, 2022)

Articolo di Giovanni Tamburino

Carlo Corallo è un artigiano della parola. È giovane e ha lo sguardo del mastro siciliano, che nella ruvidezza spoglia del tronco e della pietra sta già tracciando architetture e forme che passano da ieri a oggi con la semplicità di un bambino che cresce giorno dopo giorno.
È quasi possibile, col tocco del polpastrello, sentire la levigatura, gli angoli, come ogni parola sia presa, piegata dolcemente e adattata alla forma, al compito che ha all’interno dell’opera.

Le impressioni che già nel 2019 avevano accompagnato il suo primo album Cant’Autorato diventano certezza con l’uscita del suo secondo progetto. Quando le canzoni finiscono è la risposta di Carlo alle sue esigenze personali di narrazione, ma anche una presa di posizione al mondo che lo circonda. In un contesto musicale in cui a cambiare è prima di tutto la modalità di ascolto, la premura di Carlo non è il successo mainstream, ma anzi impone di sedersi con lui. Rallenta, esplora, assapora il gusto di ogni brano, scoprendo livelli di narrazione sempre nuovi, in cui la riflessione, il vissuto, l’onirico e l’istinto coesistono e mutano all’unisono.

Continua a leggere “Carlo Corallo – Quando le canzoni finiscono (Osa Lab, 2022)”

Murubutu – Storie d’amore con pioggia e altri racconti di rovesci e temporali (Glory Hole Records, 2022)

Articolo di Giovanni Tamburino

Il 2022 è – si spera – l’anno definitivo del ritorno alla quotidianità, dei rientri. Tra questi, sicuramente quello scolastico è tra i più attesi. Sembrerebbe quasi di buon auspicio che tale occasione coincida con il ritorno del Professor Mariani, aka Murubutu, che torna sulla cattedra con il suo settimo disco.
Storie d’amore con pioggia e altri racconti di rovesci e temporali palesa già se e come questo nuovo album – sempre con Glory Hole Records – si configuri rispetto ai suoi predecessori. Un nuovo capitolo della sua saga di antologie musicali, del dialogo tra hip hop e letteratura che vede come concept, protagonista, prima spettatrice, narratrice, la pioggia stessa, in grado di incupire, punire, purificare le forze della storia.

Continua a leggere “Murubutu – Storie d’amore con pioggia e altri racconti di rovesci e temporali (Glory Hole Records, 2022)”

Cara Calma – Gossip! (Piuma Dischi, 2022)

R E C E N S I O N E


Recensione di Giovanni Tamburino

Il 14 gennaio 2022 tornano i Cara Calma con Gossip!, il loro terzo album in uscita con Piuma Dischi, con cui si confermano ancora una volta come unicum nel panorama musicale italiano. I quattro ragazzi del bresciano restano araldi di quella genuina e lacerante emo attitude che non appartiene più solo allo strano periodo dell’adolescenza di cui ogni millennial porta i segni come medaglie al valore.
Tra abbandono, delusioni e denti stretti, Gossip! è il disco della presa di consapevolezza, della presa di coscienza del proprio lavoro come band e del mondo che li circonda.

Continua a leggere “Cara Calma – Gossip! (Piuma Dischi, 2022)”

Musica e riscatto: l’intervista ai Cara Calma per l’uscita di GOSSIP!

I N T E R V I S T A


Articolo di Giovanni Tamburino

Il 14 gennaio uscirà per Piuma Dischi GOSSIP!, il terzo lavoro in studio dei Cara Calma. Un disco che ai lividi e ai denti stretti, che da sempre accompagnano il sound della band, affianca lo sguardo di chi è cresciuto. Lo smalto è intatto e il cuore in pezzi, aperto così che tutti possano vederlo attraverso le chitarre distorte e le lyrics graffiate.
La consapevolezza di sé e del mondo che li circonda, in particolare del marketing ormai endemico nella scena musicale, diventa una riflessione matura e per nulla distaccata, con cui questi ragazzi bresciani dipingono ancora una volta un cosmo vivido e crudo, in cui il riscatto è per chi non annega nel cinismo, ma anzi accetta i propri demoni e ci cammina accanto.
A pochi giorni dall’uscita del disco, i Cara Calma hanno risposto ad alcune delle nostre domande.

Continua a leggere “Musica e riscatto: l’intervista ai Cara Calma per l’uscita di GOSSIP!”

Jesse the Faccio – Le cose che ho (Dischi Sotterranei, 2021)

R E C E N S I O N E


Recensione di Giovanni Tamburino

Il 26 novembre 2021, dopo I soldi per New York e Verde, è uscito per Dischi Sotterranei Le cose che ho, il terzo lavoro del cantautore padovano Jesse the Faccio.
Dopo i testi e le sonorità tra lo scanzonato e il punk delle precedenti produzioni, la cifra costante adesso è l’intimità, in una dimensione nuova e completamente inedita.
Il disco diventa la porta per un ambiente fin troppo familiare a chiunque abbia vissuto gli ultimi due anni. Riconosciamo sensazioni che preferiremmo non avere mai scoperto che ritornano e si riassumono senza nemmeno troppa sintesi nei quattro pezzi dell’EP, raccontando l’animo di Jesse in un momento così essenziale come quello del lockdown.

Concepite e incise durante e immediatamente nel corso del 2020, le quattro perle di questa collana di brani danno perfettamente l’idea di come siano state realizzate. La gestazione di ogni pezzo è stata rapida, fedele all’impulso che ne ha determinato la creazione. Quella stessa malinconica sincerità trova la realizzazione perfetta nei testi. Monologhi detti ad alta voce, ma forse più dialoghi con qualcuno che non è presente, eppure ancora fin troppo ingombrante.

Continua a leggere “Jesse the Faccio – Le cose che ho (Dischi Sotterranei, 2021)”

Da Quagga – Kodak [anteprima video]

I N T E R V I S T A


Articolo di Giovanni Tamburino

Esce oggi in anteprima per Off Topic il videoclip di Kodak, il singolo della band veronese Da Quagga. Estratto da Bolla, ultimo disco del collettivo, il brano racconta la storia di un rullino ormai inutilizzato per l’avvento del digitale. Allo stesso modo, il tema della caducità, della perdita di una passione, di uno scopo, viene ripreso nel video dalla vicenda di un fotografo sommerso dalla routine.
Un altro passo avanti nella continua evoluzione e sperimentazione di questo collettivo, che per l’occasione ha risposto ad alcune nostre domande.

Continua a leggere “Da Quagga – Kodak [anteprima video]”

Fast Animals and Slow Kids – È già domani (Woodworm, 2021)

R E C E N S I O N E


Recensione di Giovanni Tamburino

Dopo più di una decade di valorosa carriera, quando ci si trova davanti al nuovo disco di una band come i Fast Animals and Slow Kids l’aspettativa è duplice. Se da una parte c’è la curiosità per un nuovo sound, per rivivere vecchie emozioni prese in prestito dagli album precedenti, dall’altra si sente l’aria del ritrovo. Si entra in una casa accogliente a incontrare volti familiari dopo tanto tempo.
Si sta lì, uno di fronte all’altro, giocando a riconoscere tra i lineamenti noti i segni del cambiamento, del tempo che passa. Si indaga su cosa è successo durante l’assenza, su che ne è stato dei propositi della volta prima, si riconoscono fatiche e vittorie.
Sintetizzando, la domanda che ci si pone in questi casi potrebbe essere: come sei diventato più grande dall’ultima volta?

Anticipato dai lanci di Come un animale, Cosa ci direbbe (con le barre dell’amico Willie Peyote) e Senza deluderti– secondo prodotto da Matteo Cantaluppi, pubblicato in casa Woodworm –, È già domani, sesto disco della band perugina, esce venerdì 17 settembre, portando la risposta che Aimone, Alessio, Jacopo e Alessandro hanno dato a quell’interrogativo dopo i quasi due anni che li hanno tenuti lontano dai loro devotissimi, tanto da cercare di raggiungerli in ogni modo. Da un tour estivo in acustico – che ha dimostrato la loro incapacità di perdere mordente anche di fronte ad una platea seduta composta – ad un altro viaggio a tappe per presentare il nuovo arrivato, questi ragazzi non vogliono proprio saperne di passare altro tempo sul divano ad aspettare.

Continua a leggere “Fast Animals and Slow Kids – È già domani (Woodworm, 2021)”

Ministri – Cronaca Nera e Musica Leggera (Woodworm/Universal 2021)

R E C E N S I O N E


Recensione di Giovanni Tamburino

Dire che questi siano tempi strani è fondamentalmente ridicolo. Sono tempi completamente fuori fase, in cui apparenti sicurezze si alternano a instabilità fin troppo concrete, in un loop senza fine di riaperture e chiusure, prima ancora che di negozi, stadi e ristoranti, mentale.
La crisi che si è innescata è subdola quanto evidente: lobotomizzati tra indici Rt e conteggi, veri o falsati che siano, ci ritroviamo a galleggiare senza la capacità di fronteggiare la prossima onda. O ondata.

Imperversano opinioni, titoli di giornale e allarmismi di ogni sorta, strappando le giornate dalla nostra presa e rendendoci utenti passivi della vita, mentre la stessa ci scorre davanti. In tale contesto di sincopata disperazione, dove tutto è indice di un problema, ma nessuno riesce a comprendere se questo sia il Covid-19, il governo o un’informazione spicciola da clickbait, il ritorno di una band di veterani come i Ministri ha in tutto e per tutto l’effetto di una sana e necessaria terapia del dolore.
Tre anni dopo l’uscita di Fidatevi, sesto album, e anticipato dal singolo Peggio di niente, esce il 14 maggio Cronaca nera e Musica leggera: un’inattesa quanto necessaria mazzata sulle gengive in quattro brani, un EP che condensa in sé tutta la capacità di osservazione e di reazione che la band milanese ha sempre dimostrato negli oltre quindici anni di carriera.

Continua a leggere “Ministri – Cronaca Nera e Musica Leggera (Woodworm/Universal 2021)”

Cosa ci direbbe, il nuovo singolo dei Fast Animals And Slow Kids con Willie Peyote

N E W S


Articolo di Giovanni Tamburino

Sono tante le canzoni di cui abbiamo bisogno senza saperlo, quelle che ci riportano alla mente esperienze passate e diventano monito per il nostro presente e futuro.
Ciò che sorprende di più è che la maggior parte delle volte questo avvenga attraverso le parole, le domande più semplici.
Il nuovo singolo dei Fast Animals and Slow Kids, nato insieme all’amico Willie Peyote, è sicuramente uno di questi, con una di quelle frasi che negli anni non smetteranno mai di abbandonare il modo con cui ognuno si approccia al mondo, nel bene e nel male: “Che cosa ci direbbe mamma?” Dopo i due singoli lanciati durante questo duro biennio di pandemia, Come conchiglie e Come un animale, i FASK tornano il 23 aprile con Cosa ci direbbe: un brano che nella sua melodia trascinante e a tratti nostalgica si fa provocazione verso quel vizio tutto umano di giudicare gli altri secondo i nostri canoni e di cui, almeno una volta, ogni essere umano è stato vittima e carnefice.

Continua a leggere “Cosa ci direbbe, il nuovo singolo dei Fast Animals And Slow Kids con Willie Peyote”

WordPress.com.

Su ↑