R E C E N S I O N E


Articolo di Claudia Losini

Perché parlare d’amore è così importante oggi? Valerie Trebeljahr spiega questo e molto altro, nell’ep Being Water. È l’empatia, il riscoprirsi buoni verso l’altro, il tema centrale di questi brani. Being Water è una citazione dell’opera di Hito Steyerl (tra l’altro in mostra al Castello di Rivoli) Liquidity Inc., un’installazione che racconta come, di fronte alla liquidità dell’informazione, dei mercati e delle immagini noi siamo costretti a “diventare come l’acqua”, trasformarci, modellarci secondo i continui cambiamenti, per non affogare.

Di fronte a questa valanga liquida, per Valerie la soluzione è quella di ritrovare la gentilezza e l’amore, per combattere l’odio, le differenze, i continui muri che la società costruisce per separarci. For only love è una dichiarazione d’amore, e di intenti, è un invito a non smettere di essere buoni, nonostante tutto. La canzone è nata dopo la visione del documentario di Obaidah Zytoons e Andreas Dalsgaards sulla primavera araba. Un documentario a cui non si può rimanere indifferenti. Da qui, la necessità di ricordare che se qualcosa dovrà salvarci, non sarà certo l’odio a farlo. È la canzone più toccante e delicata dell’ep, accompagnata da sonorità che ricordano i primi lavori della band (come Faking the books).

Chi ama le sonorità dreamy, in particolare quella vecchia indietronica ricordata con un velo di nostalgia, non verrà sicuramente deluso da questo nuovo, breve seppur molto intenso, lavoro della band tedesca che conta anche un membro dei Notwist al suo interno (Markus Acher, marito di Valerie). Ne è esempio anche You’re a genius, dedicato a Virginia Woolf e a Madonna, e in generale a una profonda riflessione sul termine “genio”, una parola di connotazione maschile, spesso ripetuta e che porta con sé un enorme peso. Le differenze da scavalcare, quindi, tornano nei testi di Valerie, e nella musica: Beatx è volutamente distruttiva rispetto agli altri brani, segue un percorso a tratti diverso dal classico stile dei Lali Puna (seppure ne mantenga le fondamenta), e di cui Valerie va fiera perché rompe qualcosa per lei da sempre riservato a una produzione maschile. Quindi perché ha senso, ancora, parlare d’amore oggi? D’altronde, le canzoni non trattano tutte di amore? Quello che ci raccontano i Lali Puna è qualcosa di diverso, è universale, è l’amore verso se stessi per empatizzare con gli altri. Per darci qualcosa di buono, e scoprirci migliori insieme. È un messaggio di positività, un mantra da ripetersi, ogni qual volta che ci si vuole arrendere di fronte alle sempre più innumerevoli brutture del mondo: “Don’t give up on being tender”. Perché se non è la musica, e non è l’amore, a salvarci, cos’altro può farlo?

Tracklist:

01. Being Water
02. For Only Love
03. Who’s That Genius
04. Beatx
05. Wear My Heart