Ricerca

Off Topic

Solo contenuti originali

Tag

MUSICA

Musica e riscatto: l’intervista ai Cara Calma per l’uscita di GOSSIP!

I N T E R V I S T A


Articolo di Giovanni Tamburino

Il 14 gennaio uscirà per Piuma Dischi GOSSIP!, il terzo lavoro in studio dei Cara Calma. Un disco che ai lividi e ai denti stretti, che da sempre accompagnano il sound della band, affianca lo sguardo di chi è cresciuto. Lo smalto è intatto e il cuore in pezzi, aperto così che tutti possano vederlo attraverso le chitarre distorte e le lyrics graffiate.
La consapevolezza di sé e del mondo che li circonda, in particolare del marketing ormai endemico nella scena musicale, diventa una riflessione matura e per nulla distaccata, con cui questi ragazzi bresciani dipingono ancora una volta un cosmo vivido e crudo, in cui il riscatto è per chi non annega nel cinismo, ma anzi accetta i propri demoni e ci cammina accanto.
A pochi giorni dall’uscita del disco, i Cara Calma hanno risposto ad alcune delle nostre domande.

Continua a leggere “Musica e riscatto: l’intervista ai Cara Calma per l’uscita di GOSSIP!”

Mosaico – La grinta del pop rock emiliano

I N T E R V I S T A


Articolo di Francesca Marchesini

Lo scorso 26 novembre è uscito Solco, quarto singolo degli emergenti Mosaico. Il gruppo, composto da Simone Cacciali (voce), Alfredo Valenti (chitarra), Alex Lusardi (basso) e Jacopo Mondina (batteria), ha appena presentato il proprio lavoro alla quinta edizione della Milano Music Week, una settimana di incontri, workshop e showcase dedicata alla formazione e alla condivisione dell’esperienza musicale tra addetti ai lavori e appassionati; ho avuto modo di intervistarli tutti e quattro per parlare di questa esperienza e conoscere il progetto rock italiano Mosaico.

Continua a leggere “Mosaico – La grinta del pop rock emiliano”

Cristina Donà – De Sidera e il lato oscuro della luna

I N T E R V I S T A


Articolo di Cinzia D’Agostino

Quando un’artista ti racconta tutto ciò che volevi chiederle senza nemmeno il bisogno che tu le ponga direttamente le domande, probabilmente è fortuna, o sintonia. Chi lo sa. Sta di fatto che è successo e sarei stata ad ascoltarla per ore.
Chi conosce Cristina Donà sa che è una creatura dotata di una grazia e sensibilità fuori dall’ordinario, le sue riflessioni sono stimolanti, così come le vibrazioni della sua splendida voce che sanno trasportarti in spazi lontani ed incontaminati, come farti piombare in un dolce buio, mai senza via di uscita. La capacità di toccare profondamente le corde di chi l’ascolta e di generare forte empatia, le ha fatto conquistare l’appellativo di “incantautrice”.
In occasione del nuovo album deSidera, uscito il 3 dicembre a distanza di ben sette anni da Così Vicini, abbiamo fatto una lunga chiacchierata “on the road” con Cristina di ritorno dalla presentazione del disco.

Continua a leggere “Cristina Donà – De Sidera e il lato oscuro della luna”

Andrea Chimenti – Mi stupisce, ogni volta, il fatto di esistere e continuo sempre a stupirmi. È uno stupore costante

I N T E R V I S T A


Articolo di Arianna Mancini immagini sonore di Andrea Furlan

Quello che si dice essere un percorso di esplorazione. Dal vinile che non riesci a togliere dal piatto alla prima data del tour. Nel mezzo però, c’è ancora spazio per un angolo di meraviglia, per andare a fondo, per esplorare gli abissi. In questa fenditura da sondare, Andrea Chimenti ci ha aperto le porte della sua disponibilità e lo abbiamo incontrato, il 26 novembre al Circolo Arci Bellezza di Milano, prima del suo concerto, per entrare un po’ più nei dettagli del suo ultimo lavoro e del suo mondo. Buon viaggio!  

Continua a leggere “Andrea Chimenti – Mi stupisce, ogni volta, il fatto di esistere e continuo sempre a stupirmi. È uno stupore costante”

Kevin Whelan (Aeon Station) – Un ritorno musicale all’insegna dell’amore

I N T E R V I S T A


Articolo di Francesca Marchesini

I The Wrens sono una band indie rock nata alla fine degli anni Ottanta… sono, o forse sarebbe più corretto dire erano? L’ultimo album della formazione composta da Kevin e Greg Whelan, Jerry MacDonald e Charles Bissell è uscito nel lontano 2003; da allora non si hanno più avute notizie della musica di questo gruppo originario del New Jersey, Stati Uniti, fino a quest’anno quando il frontman Kevin Whelan ha annunciato la pubblicazione di un nuovo lavoro in studio (uscirà il 10 dicembre per Sub Pop Records). Ho colto l’occasione di parlare con lui di Observatory, primo album pubblicato a nome Aeon Station, che sembra porre fine all’epopea dei The Wrens.

Continua a leggere “Kevin Whelan (Aeon Station) – Un ritorno musicale all’insegna dell’amore”

Jamila – La sostenibile leggerezza dell’essere

I N T E R V I S T A


Articolo di Andrea Notarangelo

Jamila è una giovane cantautrice che racconta storie intime attraverso canzoni delicate. I testi sono diretti, ma riescono ad accarezzarti anche quando hai sbattuto contro un muro senza imparare la lezione. La sua musica è caratterizzata da un flusso di parole di giovani anime che ritrovano sé stesse dopo delusioni e attendo con trepidazione il momento in cui la loro vita svolti. L’abbiamo incontrata in occasione dell’uscita del suo album d’esordio, Frammenti, per sapere qualcosa di più del suo mondo e del suo processo creativo.

Continua a leggere “Jamila – La sostenibile leggerezza dell’essere”

Marianna D’Ama – Where Will You Go, Nina? (Endless Groove, 2021)

R E C E N S I O N E


Recensione di Elena Di Tommaso

Un breve viaggio introspettivo, ricco di stile e suggestioni, in cui la scoperta di se stessi svela un’alternanza – spesso incostante – di luci ed ombre. Un percorso esistenziale necessario e in continuo divenire che, in un clima di incertezza e smarrimento, porta ad aggrapparsi a quel briciolo di consapevolezza in grado di rischiarare lo sguardo e la percezione di sé. Nel nuovo Ep Where Will You Go, Nina? uscito il 30 ottobre in formato vinile 7” e in digitale con l’etichetta inglese Endless Groove, la songwriter e polistrumentista Marianna D’Ama mette a nudo i propri turbamenti e, ora che è adulta, si pone alla ricerca di una via verso la spensieratezza dove poter condurre, o meglio, farsi condurre dalla piccola “Nina” (soprannome con cui viene chiamata sin da bambina).
La cantautrice, dopo la collaborazione con alcune band, debutta nel 2018 con l’autoproduzione di Lip, un Ep dalla forte personalità che le vale l’accostamento ad un talento internazionale come PJ Harvey. Accanto a lei l’eclettico polistrumentista Davide Grotta, presente nella produzione e nella presentazione live. In assoluto spirito vintage, nel 2019 pubblica il 45 giri The Devil dal sapore glam-rock e con reminiscenze jazz-blues, prodotto dall’etichetta discografica Oh-No! Tapes Records di cui Marianna è co-fondatrice. Produce video per artisti del calibro di Xabier Iriondo (Afterhours), Marco Parente, Paolo Benvegnù, Enzo Moretto (A Toys Orchestra). Collabora come cantante con i newyorkesi The Du-Rites, l’italiano Stella Burns e, dal 2020, con il songwriter blues-folk italo-americano Joseph Martone, seguendolo nel suo tour in Francia, Spagna e Italia come tastierista, chitarrista, backing vocals e aprendo per lui diverse date.

Continua a leggere “Marianna D’Ama – Where Will You Go, Nina? (Endless Groove, 2021)”

Bo!led – Tra improvvisazione jazz e costruzione elettronica

I N T E R V I S T A


Articolo di Claudia Losini

Sono giovani ma molto prolifici, i componenti del quartetto milanese Bo!led, progetto nato nel 2019 e composto da Amedeo Nan alla chitarra, Matteo Castiglioni alle tastiere, Maurizio Gazzola al basso, tutti e tre già componenti del progetto jazz hip hop Studio Murena, e il batterista Andrea Gamba, conosciuto anche come Daykoda.
I Bo!led guardano all’estero, in particolare alla rigogliosa scena jazz contemporanea inglese che attualmente conta nomi come The Comet is Coming e Sons Of Kemet – usciti dalla nicchia del genere per spopolare a festival di musica elettronica- e all’America, al sound di Chicago in particolare.
Ma la band di cui si sente l’influenza maggiore sono i canadesi Badbadnotgood, che hanno portato la loro piccola rivoluzione musicale, quella di svecchiare il jazz per contaminarlo con l’elettronica, a un successo mondiale.
Different, Us è il primo lavoro registrato in studio, che già afferma il loro sound fresco, ben bilanciato tra ritmi jazz ed elettronici, dove gli strumenti creano un dialogo di volta in volta differente, come in Broken Days, dove la batteria incalza il ritmo della chitarra, ricca di sfumature. Blue Room è il brano più accattivante nella sua essenzialità, con un intermezzo che strizza l’occhio a sonorità più tribali e al world sound, così come la title track, Different, Us che con il suo susseguirsi di alti e bassi ci trasporta in una sera metropolitana.
I Bo!led stanno facendo in Italia quello che all’estero guardiamo con stupore: rivoluzionare un genere per farlo evolvere e renderlo più contemporaneo. In occasione di questa uscita, abbiamo contattato Matteo Castiglioni per fargli alcune domande…

Continua a leggere “Bo!led – Tra improvvisazione jazz e costruzione elettronica”

Giorgio Ciccarelli – Niente demoni e Dei (Santeria Records/Le Siepi Dischi, 2021)

R E C E N S I O N E


Articolo di Cinzia D’Agostino

È arrivato il momento anche di Niente demoni e Dei in uscita il 29 ottobre per Le Siepi Dischi, un album che i due singoli Conto i tuoi passi e Non credo in Dio, trasmessi in anteprima tra aprile e giugno, ci hanno fatto da subito presagire, senza aprire lentamente il sipario. Il terzo disco di Giorgio Ciccarelli infatti, lancia da subito l’ascoltatore senza alcun freno, in caduta libera, verso quel vuoto che fa paura per il timore dell’imminente impatto con la terraferma. Brano dopo brano, passati gli attacchi di panico, l’angoscia si tramuta, per sopravvivenza, prima in euforia e poi in lucidità, quella lucidità che ti fa ora distinguere ogni particolare con estrema chiarezza, fino a che un paracadute non ti conduce dolcemente a contatto col suolo, con rassicuranti note di Piano finale.

Continua a leggere “Giorgio Ciccarelli – Niente demoni e Dei (Santeria Records/Le Siepi Dischi, 2021)”

WordPress.com.

Su ↑