L I V E – R E P O R T


Articolo di Cinzia D’Agostino, immagini di Giacomo Ghidinelli

Al primo ascolto di Rec, il disco d’esordio degli Animatronic, uscito l’otto Novembre per La Tempesta Dischi, sono rimasta letteralmente sconvolta. Quindici brani totalmente strumentali che ti violentano il cervello, basso chitarra e batteria senza un attimo di sosta. Ho immaginato immediatamente tre musicisti in preda ad un sano sfogo in sala prove, dove suoni non per incidere ma per puro divertimento e sperimentazione senza alcun freno inibitorio. E infatti Luca Ferrari, Luca Terzi e Nico Atzori passano insieme  un bel po’ di tempo a scaricarsi insieme con i loro strumenti finché il gioco non prende forma e registrano analogicamente su nastro a presa diretta questo loro progetto.

La curiosità di ascoltarli dal vivo cresce ed eccoci alla Latteria Molloy di Brescia in un piovoso giovedì sera.
È uno show se vogliamo ancora più intenso del disco, dove la musica potente e visionaria si impossessa della sala e del pubblico perché oltre alle orecchie che si abbandonano a suoni sperimentali e trascinanti, gli occhi sono puntati inevitabilmente sulla band, tre personaggi nel buio del palco che fanno parlare la loro anima attraverso i propri strumenti. Chi ha visto i concerti dei Verdena sa perfettamente quanto può essere devastante guardare Luca che sfoga tutto sé stesso sulla batteria, in preda al delirio, quasi allucinato, completamente posseduto da qualche forza superiore. Luca Terzi alla chitarra è una piacevole sorpresa, spazia abilmente tra rock, prog, metal mantenendo una flemma spiazzante nei suoi assoli e riff strabilianti. Nico Atzori nasce come percussionista ma qui cambia veste e ci scalda con un basso che accompagna elegantemente questo eclettico e poliedrico lavoro degli Animatronic.


Suonano i brani del disco tutti d’un fiato, come chi ha una voglia sfrenata di esprimersi coraggiosamente, lontano dallo stile preconfezionato a cui spesso siamo abituati, abbandonandosi totalmente all’estasi del suono. Accompagnano l’esibizione proiezioni di immagini a ripetizione di movimenti quasi robotici, realizzati in maniera amatoriale dalla band utilizzando l’animatronica, tecnica che richiama il nome del gruppo, la realizzazione del movimento attraverso una tecnologia che utilizza componenti elettronici.
La stessa copertina di Rec e l’artwork sono stati eseguiti a mano da Luca Ferrari, ancora a sottolineare la sincerità e l’originalità del progetto e il messaggio di libertà senza confini che trasuda. Il risultato di questo ambizioso show lo si percepisce dal pubblico, letteralmente stregato da uno spirito rock finalmente espresso nella sua più contagiosa purezza.


Scaletta:
La7
6 Sbarre s.a.s
Formula
Crossing
Tin Tin
In Cubo
Ghostrek
Zabran
Seitan
Fuori di Nastro
Fanki!?
DCP
Flipper
Tronofobia
Teddy Red & Jenny Ride

Le prossime date
20/12 Black Inside – Lonate Ceppino VA
21/12 Spazio 72 – Grosseto
23/12 Officine Cantelmo – Lecce
28/12 Glue – Firenze
03/01 Mood social Club – Rende CS
04/01 Retronouveau – Messina
11/01 Ink – Bergamo