I N T E R V I S T A


Articolo di Lucia Dallabona

UAU ~ il festival d’illustrazione & cose belle sta per inaugurare la sesta edizione.
Abbiamo contattato il direttore artistico Andrea Arnoldi per farci anticipare gli aspetti più accattivanti dell’evento che avrà luogo il 25 26 27 Giugno presso il Parco Ermanno Olmi di Bergamo.

Intanto ci racconti come è ripresa la collaborazione col Baleno festival?
Ciao Lucia ~ è un piacere rispondere alla tue domande. Con i ragazzi di Baleno in realtà il rapporto non si è mai interrotto ~ loro infatti gestiscono le Officine Tantemani, un luogo di sperimentazione & creatività con cui durante l’anno UAU ha collaborato sia proponendo due workshop di illustrazione fuori festival (ideati & condotti da Elisa Macellari e Sarah Mazzetti) sia portando l’anteprima della mostra delle undici tavole originali che fanno da copertina all’ultimo album de il peso del corpo, che per l’occasione si è anche esibito in un concerto. Semplicemente nell’estate 2020 gli organizzatori di Baleno hanno preferito evitare il festival per questioni legate alla pandemia mentre UAU ha deciso di realizzarlo comunque, quindi l’anno scorso non abbiamo organizzato insieme l’evento. Ma nel 2021 torniamo alla carica con un’edizione ancora più ricca & meravigliosa!

Proprio quest’anno hai deciso che fosse il momento giusto per lavorare sulle parole dello splendido libro di Calvino “Le città invisibili”. Cosa ti ha spinto in questo senso?
Be’ da anni aspettiamo il momento giusto per lavorare sulle parole di quel meraviglioso libro che è Le città invisibili ~ oggi il momento è arrivato. Chiusi in casa da mesi ci siamo quasi dimenticati cosa significhi vivere la città. L’intento di quest’edizione è muovere i passi da una città invivibile ad una città vivibile ~ da una invisibile a un’altra visibile.

La serata inaugurale vedrà protagonista Giada Fuccelli con una live drawing perfomance. Di cosa si tratta?
Sarà l’anteprima assoluta del nuovo progetto di Giada che è stato realizzato ad hoc per il festival & porta il titolo Abito. Giada ha ideato una live drawing performance di dimensioni enormi incentrata sul tema dell’abitare che avrà luogo durante la beat making session del duo sperimentale bergamasco OTU. Per progettare la performance si è ispirata alle parole di Calvino che aprono il comunicato stampa del festival & che sono state anche per me la base su cui ideare & organizzare tutto l’evento: Abitare ~ uno strano verbo a pensarci bene. Si associa agli abiti e alle abitudini. Mi piacerebbe che ogni città fosse come un abito; la si indossa, poi se ne esce e la si posa su una sedia, facendo attenzione che non si sgualcisca per poter tornare a indossarla.

Anche in questa edizione si rinnoverà la duplice attesa proposta dei workshop, grazie ai quali si crea un vero e proprio lavoro collettivo. Vuoi darci qualche dettaglio in merito?
Sabato 26 avrà luogo il workshop Habitanti ~ condotto & ideato da Gianni Puri mentre domenica 27 ci sarà Una città abitata ovvero Come ti senti città? a cura di Lucio Schiavon. Entrambi i laboratori sono pensati ad hoc per UAU 2021 & ovviamente si incentrano sul tema dell’abitare la città ~ che non è solo vivere nella città ma è un complesso sistema di interazioni che ci immerge dentro la città e la rende abitata. Il cuore pulsante di entrambi i workshop, come giustamente sottolinei tu, sarà il lavoro collettivo ~ cifra stilistica propria di UAU. In particolare durante l’ultima parte del laboratorio di Gianni Puri si realizzeranno delle maschere che poi i partecipanti indosseranno per una piccola sfilata all’interno del parco che ospita il festival. Mentre durante il workshop di Lucio Schiavon si realizzeranno dei manifesti che verranno esposti in una mostra collettiva a Luglio all’interno di un altro festival in provincia di Bergamo.

Immancabili ritorneranno anche gli appuntamenti in anteprima con l’affascinante mondo della graphic novel e dell’illustrazione. Chi saranno gli ospiti?
Sabato alle 19 ospiteremo l’anteprima assoluta di Stalattite ~ il primo romanzo per immagini di Pablo Cammello. Questo è un evento che ci rende molto orgogliosi & che inaugura una nuova partnership con Coconino Press ~ una delle case editrici italiane che più stimiamo. Stalattite è uscito giusto in questi giorni in tutte le librerie quindi sarà un’anteprima davvero speciale!
Domenica invece Alicia Baladan presenterà il suo nuovo albo illustrato La bambina e l’armatura e lo farà attraverso un workshop gratuito per bambini. Questo evento è in collaborazione con Topipittori ~ altra nostra partnership che stimiamo tantissimo.

Ogni giorno, dalle 11 alle 22, sarà attiva “A Piedi Nudi”, una installazione interattiva curata da Pietro Atelier. Come sei arrivato a questo tipo proposta? 
Pietro è un’artista del giardino che aveva già collaborato con UAU 2019 all’interno sempre del Parco Ermanno Olmi. Quest’anno abbiamo ideato un progetto meno decorativo & più interattivo ~ dedicato soprattutto ai più piccoli ma accessibile a tutti. Sarà una sorpresa quindi non te ne posso svelare i dettagli. L’unica cosa che posso rivelarti è che ovviamente centra in pieno il tema del festival & sono convinto che i bambini si divertiranno un sacco a entrare all’interno di questa installazione ~ l’ingresso è consentito soltanto a piedi nudi!

Dove è possibile consultare il programma dettagliato del festival e le modalità di partecipazione ai singoli eventi?
Questo è l’evento facebook con il programma completo ~ UAU il festival d’illustrazione & cose belle ~ 2021
Ricordo che per gli eventi gratuiti (quindi tutti tranne i due workshop) è comunque necessaria l’iscrizione tramite il sito tantemani.it

In conclusione, vuoi lanciare tu un invito al pubblico per essere presente a questa poliedrica manifestazione?
Ancora una volta lascio parlare Italo Calvino che sa racchiudere in poche parole i concetti più densi meglio di ogni intervista possibile (e infatti lui si scocciava quando doveva rilasciare interviste): ho imparato da tempo a non abitare in nessun luogo per poter credere che abito dappertutto.
Ecco, questo è l’invito che UAU fa al festival & lancia a chiunque voglia venire a salutarci 🙂