C O N F E R E N Z E


Articolo di E. Joshin Galani La tenerezza di vedere quattro ragazzi crescere, dalla spontaneità alla ”gigioneria” dei palchi. Alla loro prima conferenza stampa qui a Milano, si presentano con un misto di gioia ed emozione. Sono gli Eugenio in Via di Gioia il nome è dato dai primi componenti della band (il cantante Eugenio Casaro, il fisarmonicista Emanuele Via e il batterista Paolo Di Gioia), a cui si è aggiunto 4 mesi dopo Lorenzo Federici a nome della band già definito, conosciuto a Londra, in Piccadilly Circus, mentre suonava il contrabbasso. Per par condicio, hanno dato il titolo Lorenzo Federici al loro album d’esordio del 2014. Esce nel 2017 Tutti Su Per Terra per arrivare al 2019 con Natura Viva, pubblicato da Virgin Records (Universal Musica Italia), anticipato dai singoli Altrove, Cerchi e Camera mia.

All’incontro, in linea perfetta con il titolo del disco, sul tavolo frutta viva, colorata, amplificata tramite dei fili, che rispondono al tocco con diversi suoni o parole. Le loro canzoni nascono per strada, in un contesto urbano, vengono registrati molti suoni poi campionati in studio. Suoni di natura od urbani, riutilizzati nelle canzoni. Il processo compositivo ha visto unire grandi produzioni con suoni grandiosi e strumenti incredibili a campioni low fi che avvicinano l’ascoltatore casuale, rendendo più quotidiani i brani.

Ci raccontano:

Molti brani sono sussurrati perché spesso sono stati registrati di notte. Scrivere una canzone è un momento molto intimo, è un paradosso andare per strada per scrivere le canzoni per trovare ispirazioni, ma è anche l punto che ci avvicina di più alla gente. Una volta gli artisti osservavano la natura morta e la dipingevano, noi osserviamo la natura viva, ossia le persone che camminano di notte, che sono più libere e distanti dal resto del mondo, in quel momento i pochi passanti che ci sono, ci danno dei veri feed back; ci è capitato di suonare anche la mattina o il pomeriggio, ma le persone hanno la testa altrove, la sera invece sono lì dove tu stai suonando. A noi serve cantare, anche sussurrando per avere questo feed back continuo.

A livello tecnico ci sono delle differenze rispetto ai lavori precedenti:

prima cercavamo di riprodurre in studio quello che facevamo dal vivo, processo molto lento e faticoso, passavamo molte ore in sala prove a provare lo stesso pezzo, cambiando magari i giri armonici. Poi abbiamo scoperto il computer, trovando linee di chitarra voce e piano che prima non uscivano, avendo subito il feed back diretto, per poter modificare in fretta. Ora prima di andare dal produttore abbiamo dei provini che suonano già come delle canzoni.

Molto bello il packaging del cd, un album da colorare formato 18×18, completo di matite colorate:

La realizzazione è stata commissionata allo street artist BR1 (Bruno) cha fa grandi cartelloni che incolla a manifesti pubblicitari con qualche residuo, giocando con figure spiazzanti e provocatorie. Siamo riusciti a contattarlo, nonostante non sia facile perché è illegale quello che fa, e gli abbiamo commissionato l’artwork. Abbiamo voluto raccontare le nostre canzoni in un modo grafico, questi cartelloni ci saranno anche ai concerti con dei mega pennarelli che potranno essere colorati prima dell’evento e poi messi all’asta per beneficenza.

Gli Eugenio in via di Gioia hanno da sempre il loro punto forte nei live, vedendo crescere il loro pubblico, passando da spazi piccoli a quelli più grandi. Li conosciamo per i loro lati molto giocosi (la risoluzione del cubo di Rubik cantando, piuttosto del navigare in canotto tra il pubblico) Nel nuovo tour ci sono già delle date già sold out:

Ogni tour risponde al disco precedente, stiamo raccogliendo quello che abbiamo seminato con Tutti Su Per Terra, anche sui nuovi singoli usciti da settembre ad oggi, su Spotify sono quelli più ascoltati della nostra produzione. Questo approccio non cambierà, il parlare e scherzare col pubblico, l’essere “burloni” fa parte dal percorso, porre l’ascoltatore all’attenzione, che non è più richiamata ma c’è.

Ecco i prossimi appuntamenti per incontrarli:

Instore tour

5 marzo Bologna, Mondadori, Massimo d’Azeglio 34

6 marzo Roma, Discoteca Laziale, via Mamiani 62/a

7 marzo Firenze, Galleria del Disco, Piazza della Stazione 

Tour

29 marzo, Firenze, Auditorium Flog

30 marzo, Perugia, Urban

4 aprile, Milano, Santeria Social Club SOLD OUT

5 aprile, Roma, Monk SOLD OUT

6 aprile, Bologna, Locomotiv Club SOLD OUT

7 aprile, Bologna, Locomotiv Club SOLD OUT

12 aprile, Padova, Hall

24 aprile, Brescia, Latteria Molloy SOLD OUT

26 aprile, Mosciano (TE), Pin Up

27 aprile, Conversano (BA), Casa Delle Art

12 luglio, Bologna – Indimenticabile Festival, Sonic Park