Cerca

Off Topic

Solo contenuti originali

Tag

Luci

Fabio Mina e Aniki – The Shiv – la musica è un’arma grezza ma quando funziona penetra in profondità.

I N T E R V I S T A


Articolo a cura di Luci

Fabio Mina scopre il flauto già da bambino, si diploma al conservatorio di Pesaro, ma comincia presto ad interessarsi all’improvvisazione. Inizia a cercare una musica senza confini, grazie anche allo studio di strumenti a fiato provenienti da diverse parti del mondo e alla successiva passione per effetti a pedale ed elettronica dal vivo. Lavora stabilmente con Markus Stockhausen e ha collaborato con artisti di varia estrazione come Vinicio Capossela, Geir Sundstøl, Kudsi Erguner, suonando in Europa e in Asia. La sua crescita personale ed artistica si alimenta attraverso la ricerca dei legami che esistono fra la musica, il suono e le relative radici spirituali. Luca Mina, alias ANIKI è un tastierista e producer riminese nato nel 1991. Si avvicina alla musica all’età di cinque anni quando inizia anche a studiare violino, fino ai dieci anni, e poi pianoforte. Dall’età di 14 anni, però, si approssima al jazz, al soul ed al funk, inizia a scoprire e praticare l’improvvisazione, suonando e studiando insieme al fratello Fabio Mina. L’incontro e l’amore per la cultura hip hop, poco più avanti, arrivano con un colpo di fulmine. Il film Ghost Dog di J.Jarmusch, dove si incrociano la musica del Wu Tang Clan, la cultura hip hop e quella giapponese, giocherà un ruolo fondamentale. Il campionamento da vinile o da musicassetta, diventano il centro delle sue prime produzioni e sperimentazioni musicali; grezze, acerbe e composte su un portatile con la tastiera del computer per suonare i samples. Attualmente Aniki sta lavorando a tre progetti con tre diversi rapper; B.Eaze, Gully Ganja dagli Stati Uniti e Negra Suerte dal Perù.

Insieme, hanno appena pubblicato The Shiv, parola che nello slang delle galere americane descrive una sorta di coltello autocostruito. Il disco, disponibile su bandcamp, streaming e download digitale è stato registrato durante la quarantena e contiene “musica fatta in casa ma tagliente”. Molto incuriosita da questa definizione mi sono immersa in un ascolto che da subito coinvolge suscitando forti emozioni. In ogni singolo brano emerge limpida una capacità fuori dal comune di caricare le melodie di profondi significati. Si sente, con toccante intensità, quanto l’ispirazione vada ben oltre l’obiettivo di intrattenere, per arrivare a diffondere attraverso il mezzo artistico importanti, spesso scomode, consapevolezze sia personali che etiche. Spinta dal desiderio di approfondire la conoscenza di un progetto così interessante, ho contattato i fratelli Mina per rivolgere loro alcune domande:

Continua a leggere “Fabio Mina e Aniki – The Shiv – la musica è un’arma grezza ma quando funziona penetra in profondità.”

Alfio Antico – Re Bufé (2020)

   V I D E O


Articolo curato da Luci

Il 2020 è un anno ricco per Alfio Antico. A marzo è uscito il suo nuovo album, Trema la terra, con la produzione artistica di Cesare Basile, il suo primo disco scritto e nato quasi interamente in casa, sviluppatosi attraverso i suoni e i ricordi. All’interno ci sono con le pelli, le onde, i racconti arcaici e le radici, acustica ed elettronica, tradizione e sperimentazione. Da qualche settimana inoltre è stato pubblicato il libro Alfio Antico – Il Dio Tamburo di Giuseppe Attardi, in bilico tra biografia e romanzo, è un’opera che rispetta le sue radici, il suo animo bucolico e il linguaggio primitivo del suo strumento.

Continua a leggere “Alfio Antico – Re Bufé (2020)”

Bobby Soul – 20/30 (2020)

   V I D E O


Articolo curato da Luci

Nel 2020 un virus sconosciuto costringe ogni singolo individuo del pianeta terra ad autoconfinarsi nella prigione salvifica delle sue mura domestiche. Molti artisti scelgono di dare sfogo alla propria creatività utilizzando mezzi di fortuna che possiedono all’interno delle proprie abitazioni.
È con queste premesse che Alberto Debenedetti, noto come Bobby Soul, chiuso nella sua “cameretta”, si proietta in un futuro diverso, che lo trasporta più in là di dieci anni, nel 2030. Da lì, in compagnia di un avvistatore di Ufo, racconta storie e pensieri, sogni, romantiche avventure estive di un’umanità che, sopravvissuta al virus, arriva fino ad incontrare non solo Dio, ma anche gli alieni e le loro rivelazioni.

Continua a leggere “Bobby Soul – 20/30 (2020)”

Maddalena Conni – È un segreto (2020)

   V I D E O


Articolo curato da Luci

Maddalena Conni è una talentuosa cantautrice e polistrumentista autodidatta. Ha all’attivo due album, autoprodotti e suonati interamente da lei, così come numerosi concerti (fra i quali spiccano in particolare le aperture ai live di Nada).
Ad inizio luglio ha pubblicato il nuovo singolo È un segreto. Il pezzo, volutamente concepito in terza persona per lasciare libertà ad ognuno di darne  un’interpretazione  personale, si rivela coinvolgente fin dal primo ascolto.
“Nella mia musica ricerco autenticità da darmi e da dare”, così Maddalena riassume ciò che è all’origine del suo essere artista… ed è proprio questo approccio che emerge nel messaggio lanciato attraverso  la canzone.

Continua a leggere “Maddalena Conni – È un segreto (2020)”

Le rose e il deserto – Sabbia (2020)

   V I D E O


Articolo curato da Luci

Da ragazzino non provava un grande interesse per la musica, ha iniziato a suonare la chitarra da autodidatta nel 2014. Pian piano è cresciuto in lui il desiderio di cimentarsi nella forma canzone e di aprire in totale autonomia un progetto cantautorale. È nato così nel 2018 Le rose e il deserto, creato da Luca Cassano, classe 1985, origini calabresi e milanese di adozione.
Ricercatore universitario per professione, lettore vorace, appassionato di poesia, ama definirsi uno “scrittore con la chitarra”, poiché fare musica per Luca significa principalmente scrivere.
I testi delle sue canzoni sono al centro di una ricerca che prova a rifuggire da qualsiasi approccio banale. Il giovane cantautore inoltre pone sempre grande attenzione ai suoni, alle immagini che le parole, anche senza melodia, riescono ad evocare.
Io non sono sabbia è il suo Ep di esordio, pubblicato lo scorso 19 giugno. Cinque canzoni attraverso le quali Cassano si racconta, ci parla dei suoi sentimenti, delle sue paure, accompagnato da accattivanti note electro-pop. Un viaggio, fresco, leggero, che fra rime, assonanze, suggestioni poetiche, è l’occasione sia per cantare che per pensare…

Continua a leggere “Le rose e il deserto – Sabbia (2020)”

Arancioni Meccanici – Zombie Jungle [download esclusivo]

D O W N L O A D   E S C L U S I V O


Articolo curato da Luci

Gli Arancioni Meccanici si formano nel 2005 a Milano. Il primo disco viene registrato nel 2008 e pubblicato nel 2010, il secondo risale al 2013. Partiti in totale amicizia da una semplice sala prova, negli anni lavorano con impegno crescente ad un progetto musicale grazie al quale intraprendono un percorso sia umano che artistico che li vede crescere e maturare. Sono un quartetto formato da: Gianfranco Fresi (voce), Andrea Mottadelli (chitarre, percussioni, tastiere, sintetizzatori, basso, programmazione), Massimo Di Marco (chitarre) e Stefano Penolazzi (basso). Vi presentiamo il nuovo singolo in download esclusivo.

Continua a leggere “Arancioni Meccanici – Zombie Jungle [download esclusivo]”

UAU, festival d’illustrazione e cose belle – edizione 2020

A N I M A Z I O N E – G R A P H I C  N O V E L


Articolo curato da Luci

Nel fine settimana che va dal 10 al 12 luglio, presso lo Spazio Giovani Edoné di Bergamo, ritorna UAU, il festival d’illustrazione e cose belle.
L’edizione 2020 prende le mosse dalle dichiarazioni di Jacques Derrida riguardanti il cosiddetto “effetto fantasma”, ossia il rapporto che unisce il visibile con l’invisibile, la luce con l’ombra, la presenza con l’assenza.
Per sviluppare questi concetti ai partecipanti saranno offerti, dietro pagamento di una quota di iscrizione (unici eventi non gratuiti) due intriganti workshop: il primo sarà curato da Francesca Zoboli, artista poliedrica capace di mescolare tecniche pittoriche e decorative, per l’occasione partendo dalle piante. A questo scopo verranno raccolti materiali vegetali della natura circostante da utilizzare insieme a immagini tratte da erbari. Attraverso il frottage, la monotipia e lo stencil, si arriverà così a trasfigurare le immagini di partenza ottenendo visioni inedite e poetiche della natura.

Continua a leggere “UAU, festival d’illustrazione e cose belle – edizione 2020”

Associazione Ottavo Giorno: ovvero creare sintonia spontanea tra corpo e musica – intervista a Giorgio Gobbo

I N T E R V I S T A


Articolo curato da Luci

L’Associazione Ottavo Giorno nasce nel 1997 su iniziativa di Marina Giacometti ed altri artisti padovani. Il loro intento è di creare un luogo fuori dalle strutture canoniche dedicate alla disabilità dove sia possibile per tutti, indistintamente, incontrarsi e fare danza, fare teatro, insieme. Un posto speciale, in cui, “semplicemente”, considerare le persone come tali, invece di incasellarle nelle solite categorie prestabilite. Qui, grazie alla DanceAbility, una tecnica che, attraverso un percorso di ricerca sfrutta le abilità fisiche ed espressive individuali, è possibile danzare insieme, abili e disabili.
Con grande naturalezza, le cose si fanno insieme, ma senza il dovere di compierle in modo uguale agli altri. Ognuno partecipa per quello che è, e quindi la propria diversità diventa un valore aggiunto che arricchisce l’esperienza del gruppo. Alla musica, che nasce da improvvisazioni, coi movimenti di danza che ispirano la melodia e viceversa, è affidato un ruolo determinante.


Il cantante, chitarrista e compositore Giorgio Gobbo collabora con l’associazione da più di quindici anni. Lo abbiamo contattato per rivolgergli alcune domande a proposito di un’esperienza decisamente particolare…

Continua a leggere “Associazione Ottavo Giorno: ovvero creare sintonia spontanea tra corpo e musica – intervista a Giorgio Gobbo”

An Early Bird – One Kiss Broke The Promise (2020)

I N T E R V I S T A


Articolo curato da LuciJames Cook

One Kiss Broke The Promise è il primo singolo del secondo album di An Early Bird, all’anagrafe il cantautore e polistrumentista Stefano de Stefano, in uscita dopo l’estate.
Dell’intensa ballata folktronica, in questo periodo di chiusura forzata, è stata realizzata una suggestiva live video session nella sala musicale di casa dove è solito comporre.

Abbiamo contattato Stefano per farci raccontare qualcosa in più a proposito della canzone e di questa coinvolgente versione.

Continua a leggere “An Early Bird – One Kiss Broke The Promise (2020)”

WordPress.com.

Su ↑