Charlie Cinelli – Rio Mella (2016, Appaloosa/IRD)

Postato il Aggiornato il

charlie cinelli rio mella

Articolo e immagini sonore di Roberto Bianchi

Charlie Cinelli è un uomo di spettacolo, che calca le scene dall’inizio degli anni ’80.
Nato nel 1958 a Sarezzo (BS) ha seguito l’irresistibile fascino della musica fin da ragazzino, impegnandosi nello studio del contrabbasso al conservatorio di Brescia. Attratto dalle luci del palcoscenico ha presto abbandonato gli studi per unirsi alla band di Iva Zanicchi. Dopo un paio d’anni si è trasferito in Inghilterra, girando per locali di ogni genere con gruppi country & western, orchestre da ballo e big band alla Glenn Miller. Durante questa esperienza ha esteso le proprie capacità musicali imparando a suonare, oltre a basso e contrabbasso, chitarre e saxofono. Rientrato in Italia ha collaborato in studio con molti artisti di punta tra cui Zucchero, Mario Lavezzi, Riccardo Cocciante, Mina, Renato Zero, Baccini e Loredana Bertè.

Negli anni ’90 ha formato il gruppo Charlie & The Cats, proponendo un rock-demenziale cantato in dialetto bresciano, italiano ed inglese. Parallelamente si è dedicato a Teatro, Cabaret e Cinema, con stesure di testi, produzioni, recitazioni e composizione di colonne sonore. Dal 2000 si è impegnato nella ricerca, promozione e valorizzazione degli autori letterari dialettali della Val Trompia arrivando a pubblicare due album: Siforal (2006) ispirato a testi poesie di vari autori locali e Charlie Cinelli canta Merlin Magu (2010) interamente dedicato a Leonardo Urbinati, uno dei più grandi poeti della tradizione bresciana.

Oggi si presenta con un nuovo progetto, che lo proietta verso una visibilità più ampia. La produzione del disco è affidata ad Andrea Parodi, cantautore, organizzatore di eventi e membro di quei Barnetti Bros che nel 2011 ci hanno regalato uno splendido disco, che ha avvicinato la nostra musica d’autore alle sonorità americane delle radici. I musicisti coinvolti sono di altissimo livello! Nel disco suonano e cantano Joel Guzman (fisarmonica e cori), Andrew Hardin (chitarre), Augie Meyers (Organo e Voce), Bocephus King (Voce), Carrie Rodriguez (Violino), Alex Valle (pedal steel, dobro e mandolino), Python Fecchio (chitarra elettrica), Laura Fedele (voce e piano), Andrea Parodi (cori) , Andrea Bettini (fisarmonica), Alfredo Golino (batterie), Sara Fox (cori) e Simone D’Eusanio (violino).

Rio Mella parla di abitudini, tradizioni, storie di contrabbando, ricordi di tempi andati e leggende delle valli bresciane. Charlie Cinelli canta in Italiano, Inglese, dialetto della Valle e Spagnolo. I suoni spaziano tra folklore, blues, tex-mex, canzone d’autore e fantasia creativa. Bella la copertina, che mostra un gallo disegnato da Charlie stesso. Si inizia con Gal del Ciél, cover di una canzone di Tom Russell  (Gallo del Cielo) ripresa anche da Joe Ely nello splendido Letter To Laredo. Il testo, tradotto in dialetto triumplino da Charlie, mantiene il narrato originale sostituendo i luoghi e fiumi del Texas con paesi della Val Trompia ed il Torrente Mella. La chitarra di Andrew Hardin (che ha creato i riff originali per Tom Russell) ed il magico suono della fisarmonica di Joel Guzman nobilitano gli ottimi arrangiamenti. La seconda cover è Pablo di Francesco De Gregori e Lucio Dalla, cantata in italiano e rivisitata con sonorità tex-mex. Ancora la fisarmonica in bella evidenza insieme all’organo di Augie Meyers (Texas Tornado e Sir Douglas Quintet). Rio Mella è una ballata molto raffinata, che attinge a tradizioni e consuetudini del territorio, raccontando di tempi andati. L’ostico dialetto bresciano è addolcito da suoni molti americani con la pedal steel di Alex Valle e la chitarra di Andrew Hardin in primo piano. Tresenda 43, è un gioiellino scritto da Andrea Parodi. Una storia di contrabbando molto evocativa. I suoni sono più cantautorali, meno americani, di primo impatto mi ricorda certi lavori di Massimo Bubola. Il testo unisce italiano e dialetto, ed è abbellito dalla doppia voce di Laura Fedele e dal suono della fisarmonica. Il Ponte, tratta da una poesia di Franco Molinari, è completamente diversa dai brani precedenti. Cantata in italiano, sostenuta dal piano di Laura Fedele e dalla pedal steel di Alex Valle, è  una canzone d’autore intensa e ben costruita. Con Primaera, ispirata da una poesia di Elena Alberti Nulli, e Meza Cica si ritorna ai suoni americani, sostenuti da parole dialettali. Un po’ di Eagles nella prima, Neil Young e Tom Petty nella seconda. Fatura è invece una ballata noir che unisce suoni alternativi al testo dialettale. La storia si riallaccia a leggende locali, che racchiudono profonde verità. Musicalmente è molto intrigante: un incontro tra Cinelli, Tom Waits, i Clash e Davide Van de Sfroos. In evidenza la slide di Python Fecchio, violino e campanacci. Via della Scala è la terza cover: una bellissima canzone del compianto Stefano Rosso, rivalorizzata da un arrangiamento molto equilibrato, che amalgama le armonie della chitarra acustica e della fisarmonica. Viento de Amor è un’altra ballata tex-mex oriented: dialetto e spagnolo si intrecciano in un racconto che prende spunto dai ricordi di Charlie, che da bambino si confrontò con gli anziani zii ritornati dall’Argentina. Il brano conclusivo Sweet Pony è cantato in Inglese da Charlie e Bocephus King. Si tratta della traduzione di Caalì,  già inciso su Törölölö del 1998. L’impronta è quella della classica ballata all’americana, impreziosita dal dobro di Alex Valle, la chitarra di Andrew Hardin ed il violino di Carrie Rodrigez.

Rio Mella non è forse un prodotto perfetto, c’è tanta carne al fuoco e di conseguenza alcuni passaggi possono apparire un po’ slegati, ma è indubbiamente un ottimo disco, che cresce dopo ogni ascolto.
Inaspettato, sorprendente, figlio di una ricerca profonda, cantato e suonato molto bene, prodotto in modo magistrale. Certamente uno dei migliori dischi italiani dell’anno!

Tracklist

  1. Gallo del Ciél (Tom Russel)
  2. Pablo (De Gregori)
  3. Rio Mella
  4. Tresenda 43 (Andrea Parodi)
  5. Il Ponte
  6. Primaéra
  7. Mèza Cica
  8. Fatùra
  9. Via della Scala (Stefano Rosso)
  10. Viento De Amor
  11. Sweet Pony

Lo scorso 16 aprile ho avuto il piacere di ascoltare Charlie Cinelli “live” in occasione del Record Store Day. Un mini concerto con il supporto di Andrew Hardin alla chitarra e Radoslav Lorković  alla fisarmonica e tastiere cui si sono poi aggiunti Andrea Parodi (chitarra e voce) e Paolo Ercoli (dobro). Insieme hanno proposto alcuni brani di Rio Mella, con la giusta carica, vestendoli di suoni meno estesi, ma assolutamente affascinanti. Un abbondante antipasto di quanto si potrà ascoltare nei futuri concerti.

1-DSC_0050_00047 1-DSC_0060_00057 1-DSC_0001_00001 1-DSC_0018_00017

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...