Cerca

Off Topic

Solo contenuti originali

Dimitri Grechi Espinoza – The Spiritual Way (Ponderosa Music Records, 2020)

R E C E N S I O N E


Recensione di Mario Grella

Certo che Grechi Espinoza, mira in alto; direi che più in alto proprio non si possa. L’uscita, il 20 marzo appena trascorso, del suo ultimo lavoro, intitolato The Spiritual Way per la Ponderosa Music Records, fa parte del progetto denominato Oreb, il monte dove Mosé incontro Dio. Scusate se è poco. Del resto, il musicista non fa mistero del fatto che la sua musica è, per scelta deliberata, una ricerca dell’ascesi. Mi sia concesso riportare le parole dello stesso Dimitri: “Per sviluppare le virtù naturali un uomo lavora prima di tutto a perfezionare se stesso. Per perfezionare se stesso, prima di tutto regola i battiti del proprio cuore. Per regolare i battiti del cuore regola il respiro, per regolare il respiro concentra la mente. Per concentrare la mente rendi perfetta la volontà, sviluppando il più possibile le conoscenze. Le conoscenze si sviluppano penetrando l’essenza delle cose. Penetrata l’essenza delle cose la conoscenza raggiunge il suo grado più elevato. Quando la conoscenza è arrivata al suo grado più elevato, la volontà diventa perfetta. Perfetta la volontà, la mente diviene stabile. La mente stabile calma il respiro così che anche i battiti del cuore diventano regolari. Regolati i battiti del cuore l’uomo è privo di difetti.L’uomo privo di difetti è in equilibrio e opera con equanimità, compassione, giustizia e rettitudine nel Mondo.

Continua a leggere “Dimitri Grechi Espinoza – The Spiritual Way (Ponderosa Music Records, 2020)”

Lorenzo Palmeri: mi piace credere che non sia tutto come appare

I N T E R V I S T A


Articolo di Joshin E. Galani

È uscito da qualche mese il terzo album del designer e musicista Lorenzo Palmeri, La Natura del Parafulmine, distribuito da Artist First per l’etichetta Metatron. Il parafulmine come metafora dell’umano vivere: percepire vibrazioni invisibili, assorbire energie emotive dall’ambiente esterno ed attuare le capacità di difendersi e rinnovarsi attraverso la propria creatività. Ogni essere umano si rigenera dormendo, mettendo in atto la dimensione del sogno che per sua natura è immaginifica, libera, fortemente intuitiva. E’ proprio questo lo spazio in cui è nato questo ultimo disco, sogni sonori su spartiti, la cui creatività ci accompagna in raffinati viaggi multisensoriali.
Ho approfondito con Lorenzo le curiosità nate da questo nuovo album, oltre le soglie dell’ascolto superficiale.

Continua a leggere “Lorenzo Palmeri: mi piace credere che non sia tutto come appare”

Dente – Dente (INRI/Picicca/Artist First, 2020)

R E C E N S I O N E


Articolo di Claudia Losini

Quando un disco è scritto dal profondo dell’anima, si sente fin dalla prima nota. Dente, nel suo omonimo disco, si mette a nudo, parla di sé e lo fa con canzoni nate dai tasti di un pianoforte, scritte tra stazioni di treni e interni di casa. C’è tanta provincia, quella in cui è cresciuto, ci sono i sogni, c’è la musica che ci salverà tutti, c’è tanta indagine introspettiva, tra momenti di sconforto e di speranza, ci sono il tempo che passa e gli insegnamenti dell’amore, il passato che non si può cambiare e il domani immaginato.

Continua a leggere “Dente – Dente (INRI/Picicca/Artist First, 2020)”

Shabaka and the Ancestors – We are sent here by history (Impulse!, 2020)

R E C E N S I O N E


Recensione di Mario Grella

La sensazione della pienezza, qualche volta, corrisponde alla sensazione della sazietà. Non sempre la sazietà corrisponde ad uno stato di totale benessere, poiché qualche volta ci piacerebbe essere meno sazi, ma contemporaneamente la sazietà può anche essere sintomo dello stato di benessere. Non avremmo mangiato né una cosa di più, né una cosa di meno. Avremmo voluto mangiare esattamente quello e quanto abbiamo mangiato. Se, magnanimamente, decideste di passarmi il paragone un po’ pecoreccio, potrei aggiungere che è proprio una sensazione di “sazietà spirituale” quella che si prova dopo aver ascoltato We are sent here by history, secondo album di Shabaka & The Ancestors, pubblicato da Impulse!.

Continua a leggere “Shabaka and the Ancestors – We are sent here by history (Impulse!, 2020)”

Morrissey – I Am Not A Dog On A Chain (Bmg, 2020)

R E C E N S I O N E


Articolo di Luca Franceschini

Non calcolo mai neppure di striscio tutti coloro che ci ammorbano con paternali stucchevoli sulle presunte opinioni politiche di Morrissey. Il soggetto in questione è sempre stato scomodo, sia come essere umano, sia come personaggio. Però chissà perché quando augurava alla Thatcher di essere ghigliottinata raccoglieva quantità indescrivibili di elogi, mentre ora che manifesta sostegno a Nigel Farage e al suo Ukip, viene considerato alla stregua di un genio del male. Stessa cosa per quanto riguarda il suo veganismo oltranzista (iniziato peraltro molto prima che divenisse una moda ammantata di neopaganesimo) che, al di là di divertenti prese in giro, ha sempre raccolto il rispetto e la stima dell’opinione pubblica. 
Perché diciamolo chiaramente: nel XXI secolo ci sono cose che si possono dire e altre no. Chi pensa che viviamo in un’epoca di libera opinione si sbaglia di grosso. Fascismo e razzismo, in particolare, sono due concetti talmente abusati che forse, per non essere accusati dell’uno o dell’altro, bisognerebbe semplicemente fingere di essere morti. 
Tutto questo per chiarire che al sottoscritto, delle opinioni di Morrissey non frega assolutamente nulla. Che poi basterebbe un brano non certo recente come “Bengali in Platforms” per capire che su certe cose ci ha sempre giocato. E men che meno mi interessa del suo orientamento sessuale, altro oggetto di dibattiti e speculazioni da almeno tre decenni (peraltro alimentate in modo perfido e geniale dal diretto interessato) o dei suoi gusti alimentari. 

Continua a leggere “Morrissey – I Am Not A Dog On A Chain (Bmg, 2020)”

Anna Calvi – Hunted (Domino Records, 2020)

R E C E N S I O N E


Articolo di Antonio Sebastianelli

“Hunted” dall’inglese: braccato, cacciato.

La cacciatrice di Hunter si è tramutata in preda. Tra i solchi dell’album del 2018 per la prima volta Anna Calvi, classe 1980, una delle cantautrici più dotate della sua generazione, si mostrava in piena luce. Fiera della sua sessualità e consapevole del suo corpo; un inno al risveglio della carne. A due anni da quel disco, l’inglesina decide di dare alle stampe una sorta di riscrittura di Hunter o meglio secondo le sue stesse parole, “una rivisitazione intima” che cattura il primo momento in cui scrisse i brani, accompagnata da alcuni dei suoi artisti preferiti, da Julia Holter agli Idles.

Continua a leggere “Anna Calvi – Hunted (Domino Records, 2020)”

Niente paura ci pensa #StayON

C O M U N I C A T O – S T A M P A


Articolo di Iolanda Raffaele

In questo periodo surreale di preoccupazione e solitudine, di incertezza e vuoto, in cui la voglia di stare uniti è ancora più forte, ogni idea, ogni gesto diventa la buona occasione per fare qualcosa di utile e di importante anche a distanza.

Spinti da questo intento, alcuni live club e festival della nostra amata Italia, guidati da KeepOn LIVE – Associazione di Categoria Live Club e festival italiani, hanno dato via a #StayON,una vera e propria staffetta di eventi in streaming che consente di riunire su un unico palco virtuale il mondo della musica e non solo.

Continua a leggere “Niente paura ci pensa #StayON”

Adesso Live Ep. 03 – f o l l o w t h e r i v e r (20 marzo in streaming)

A D E S S O – L I V E


Articolo di Giovanni Carfì

Dopo una prima serie di esibizioni live che hanno visto la partecipazione e la voglia di mettersi in gioco di 12 artisti, torna Adesso Live, riprendendo da dove ci eravamo fermati e aprendo il format attraverso una partnership con Music-Diary.

La formula per ora resta invariata; esibizioni dirette e senza nessun tipo di filtro, pensate per dare l’opportunità a chiunque di conoscere ed apprezzare una performance priva di qualunque artificio. Artisti che accettano di suonare per voi in diretta, in modo da riuscire a restituire una piccola parte di ciò che avviene a bordo palco, dove il taglio amatoriale vuole portare l’ascoltatore in una dimensione più intima.

Il nuovo appuntamento è con f o l l o w t h e r i v e r, venerdì 20 marzo, ore 18.30, ovunque voi siate sulle pagine Facebook di: Off Topic e Music Diary

Continua a leggere “Adesso Live Ep. 03 – f o l l o w t h e r i v e r (20 marzo in streaming)”

Giovanni Gulino: esplorare senza calcoli, lasciando fluire le sensazioni

I N T E R V I S T A


Articolo di Joshin E. Galani

È uscito da qualche giorno il primo disco solista di Giovanni Gulino, Urlo gigante, a quattro anni di distanza dall’ultimo lavoro dei Marta sui Tubi dei quali è stato frontman dal 2003. Nuove esplorazioni per questo album: l’elettronica, gli archi, una scrittura sempre più autorale e ricercata e la conferma di una voce sempre vigorosa. Non è stato possibile incontrarsi in questo periodo, per cui abbiamo fatto correre le parole in collegamento telefonico.

Continua a leggere “Giovanni Gulino: esplorare senza calcoli, lasciando fluire le sensazioni”

WordPress.com.

Su ↑