Cerca

Off Topic

Solo contenuti originali

Giulia Damico – Spherical perceptions (Play & Oracle Records, 2020)

R E C E N S I O N E


Recensione di Mario Grella

Non credo che Giulia Damico abbia scelto a caso di aprire il suo album d’esordio, Spherical Perceptions (sottotitolo “Homage to Thelonius S. Monk”), con Monk’s Dream. Innanzitutto perché il lavoro è strutturato su brani del grande pianista e compositore statunitense, ma soprattutto perché Monk’s Dream, se non è un manifesto artistico della poetica musicale del grande jazzista, è certamente una dichiarazione d’intenti piuttosto chiara: “I dreamed of a life that was pure and true/I dreamed of a job only I could do./ One man beside me, we’d be a team,/Man, that was a dream./I knew it was music I had to play/I dreamed when I played, I would play my way…”

Continua a leggere “Giulia Damico – Spherical perceptions (Play & Oracle Records, 2020)”

Pop Smoke – Shoot For The Stars Aim For The Moon (Victor Victor Worldwide, 2020)

R E C E N S I O N E


Articolo di Cristiano Carenzi

Venerdì 3 Giugno è uscito il disco postumo del rapper new yorkese Pop Smoke. Giunto alle orecchie di tutti con le hit Dior e Welcome to the party e poi sempre più al centro della scena per via dell’amicizia con Travis Scott dalla quale è nata Gatti, il 7 febbraio 2020 esce il suo secondo album Meet the Woo 2 che lo conferma il simbolo della nuova scena drill. Solo una settimana dopo, mentre si sta godendo il successo in una villa di Beverly Hills viene ammazzato a colpi di pistola da un gruppo di 4 ragazzi mascherati (che sono stati trovati e imprigionati giusto pochi giorni fa) a soli 20 anni.

Continua a leggere “Pop Smoke – Shoot For The Stars Aim For The Moon (Victor Victor Worldwide, 2020)”

Bobby Soul – 20/30 (2020)

   V I D E O


Articolo curato da Luci

Nel 2020 un virus sconosciuto costringe ogni singolo individuo del pianeta terra ad autoconfinarsi nella prigione salvifica delle sue mura domestiche. Molti artisti scelgono di dare sfogo alla propria creatività utilizzando mezzi di fortuna che possiedono all’interno delle proprie abitazioni.
È con queste premesse che Alberto Debenedetti, noto come Bobby Soul, chiuso nella sua “cameretta”, si proietta in un futuro diverso, che lo trasporta più in là di dieci anni, nel 2030. Da lì, in compagnia di un avvistatore di Ufo, racconta storie e pensieri, sogni, romantiche avventure estive di un’umanità che, sopravvissuta al virus, arriva fino ad incontrare non solo Dio, ma anche gli alieni e le loro rivelazioni.

Continua a leggere “Bobby Soul – 20/30 (2020)”

Paolo Benvegnù e Marco Parente // Lettere al mondo @ Villa Angaran San Giuseppe, Bassano del Grappa (Vi) – 18 luglio 2020

L I V E – R E P O R T


Articolo di Luca Franceschini

Bello finalmente tornare ai concerti. Certo, ci sono le limitazioni, gli artisti che suonano sono esclusivamente italiani e di cosiddetti “grandi eventi” non ce ne saranno per chissà quanto. Al netto del pur comprensibile ottimismo dei promoter, che continuano ad annunciare date per il 2021 quando di evidenze che si tornerà alla normalità non ce ne sono, le poche e piccole cose a cui stiamo assistendo in queste settimane sono l’unico dato di realtà che al momento abbiamo recuperato. È poco? È tanto? È quello che c’è. Prendiamolo e cerchiamo di godercelo. 
Marco Parente e Paolo Benvegnù avrebbero dovuto suonare a Bassano del Grappa a maggio nell’ambito del loro Lettere dal mondo ma sappiamo purtroppo com’è andata. Lo recuperano ora, mentre nelle singole carriere dei due artisti sono sopraggiunte alcune novità: per Benvegnù l’uscita del nuovo Dell’odio dell’innocenza, che sta iniziando timidamente a portare in giro in queste settimane, per Parente il progetto Poe3 Is Not Dead, una trilogia sotto lo pseudonimo di Buly Pank, inaugurata proprio in questi giorni con l’uscita del disco-metraggio American Buffet

Continua a leggere “Paolo Benvegnù e Marco Parente // Lettere al mondo @ Villa Angaran San Giuseppe, Bassano del Grappa (Vi) – 18 luglio 2020”

Maddalena Conni – È un segreto (2020)

   V I D E O


Articolo curato da Luci

Maddalena Conni è una talentuosa cantautrice e polistrumentista autodidatta. Ha all’attivo due album, autoprodotti e suonati interamente da lei, così come numerosi concerti (fra i quali spiccano in particolare le aperture ai live di Nada).
Ad inizio luglio ha pubblicato il nuovo singolo È un segreto. Il pezzo, volutamente concepito in terza persona per lasciare libertà ad ognuno di darne  un’interpretazione  personale, si rivela coinvolgente fin dal primo ascolto.
“Nella mia musica ricerco autenticità da darmi e da dare”, così Maddalena riassume ciò che è all’origine del suo essere artista… ed è proprio questo approccio che emerge nel messaggio lanciato attraverso  la canzone.

Continua a leggere “Maddalena Conni – È un segreto (2020)”

Disarmo: un’intervista col botto

I N T E R V I S T A


Articolo di Stefania D’Egidio

Claudio Luisi, in arte Disarmo, è un artista appartente alla scuderia bolognese Fonoprint; attivo nel panorama musicale già da diversi anni, ha pubblicato di recente tre singoli molto interessanti: Pillole 2D, Antagonista e Finale col botto. Sono riuscita a scambiare due chiacchiere con lui e a farmi raccontare qualcosa di più…

Continua a leggere “Disarmo: un’intervista col botto”

Simone Quatrana e NovaraJazz Collective @ Castello Visconteo Sforzesco, Novara – 18 luglio 2020

A P P U N T I  D A  N O V A R A J A Z Z


Articolo di Mario Grella

C’è chi dice che anche lo spazio può determinare la qualità della musica, in questo senso il cortile del Castello Visconteo-Sforzesco di Novara è sicuramente adatto ad esibizioni come quella di questo sabato sera, nell’ambito delle manifestazioni della rassegna Estate novarese 2020, in collaborazione con NovaraJazz Festival. Conoscendo però la tempra e le grandi qualità di questo giovane pianista, fosse qui o altrove, l’effetto sarebbe stato identico. Ma non guasta certo dire che, sotto questo cielo stranamente blu, circondati da questo maestoso edificio,  le funamboliche improvvisazioni al piano di Simone, sia che si tratti di scorribande coloristiche sulla tastiera, sia che dalla tavola armonica del piano escano quei rabbrividenti tuoni sordi che riempiono la grande corte fino a saturarla hanno lo stesso effetto dirompente.

Continua a leggere “Simone Quatrana e NovaraJazz Collective @ Castello Visconteo Sforzesco, Novara – 18 luglio 2020”

Samuele Strufaldi, Tommaso Rosati – Profondo (Auand, 2020)

R E C E N S I O N E


Recensione di Mario Grella

Il tema del viaggio è certamente uno dei più utilizzati dalla musica di tutte le epoche, di tutte le latitudini e di tutti i generi. Spesso però il problema non è tanto il tema o la destinazione, ma il modo di trattarlo. Quello del compositore e pianista Samuele Strufaldi con Tommaso Rosati all’elettronica, è un viaggio nell’abisso. Devo ammettere che, per chi come me si impigrisce anche solo ad andare alla spiaggia, un viaggio negli abissi sarebbe non solo scarsamente desiderabile, ma del tutto inimmaginabile. Ma è per questo che ci sono gli artisti. E così sprofondato nel mio divano Frau, mi preparo all’immersione.

Continua a leggere “Samuele Strufaldi, Tommaso Rosati – Profondo (Auand, 2020)”

Maestro Pellegrini: L’avventura solista tra Zen Circus e Conservatorio

I N T E R V I S T A


Articolo di Luca Franceschini 

Dagli esordi acerbi con i Walrus, passando attraverso le scarne ma significative pagine della storia del rock indipendente italiano scritte con i Criminal Jokers, la band da cui ha poi avuto origine la carriera solista di Francesco Motta, fino ad approdare alla grande vicenda degli Zen Circus, con cui suona dal 2017 e assieme ai quali ha vissuto anche un Sanremo, quello dello scorso anno. Prima, durante e dopo, c’è un percorso da musicista classico, con gli studi di fagotto al Conservatorio, sulla scia di una famiglia che ha fatto della musica la propria vocazione (il padre Andrea Pellegrini è un importante pianista Jazz), Francesco Pellegrini, detto simpaticamente “Maestro” proprio per via del suo percorso accademico, è approdato anche lui all’esordio da solista. Uno sbocco quasi obbligato, per un artista che, pur sempre al servizio degli altri, non ha mai nascosto la passione per la scrittura ed il desiderio di mettersi alla prova in un progetto che fosse tutto suo.

Continua a leggere “Maestro Pellegrini: L’avventura solista tra Zen Circus e Conservatorio”

WordPress.com.

Su ↑